sabato 21 ottobre 2017

Ecatombe

Martedì, fonzarelli è arrivato nel distretto calzaturiero col suo treno carico di supercazzole. Ha incontrato, blindato (hanno sequestrato persino uno striscione con scritto "non vi lasceremo soli"), il patron di una grande ditta (azienda che lavora per Gucci calzature), una delegazione di sodali PD e un paio di industriali per parlare di difesa del made in italy e rilanciare il suo industria 4.0. I lacchè, continuano a chiamarlo "presidente"... non si sa di che, ma così lo hanno chiamato dal suo arrivo finchè non se n'è andato. Il problema, non è solo la delocalizzazione, il problema è il lavoro che ormai non c'è più e noi che viviamo col distretto calzaturiero, scendiamo ogni giorno di più nel girone dell'inferno. Intanto, a pochi chilometri dall'azienda che ospitava fonzarelli, succedeva questo (ed è la seconda grande azienda che chiude nel giro di pochi mesi, altre aziende più piccole, stanno licenziando dai 20 ai 60 operai): 

Montecosaro, crisi Alma: ora è ufficiale. Annunciata la mobilità per 40 lavoratori

Alla storica azienda di Montecosaro, stretta nella morsa della crisi, non sono stati sufficienti fusione tra Manas ed Alfiere, la prima tornata di licenziamenti di fine 2015 e l'applicazione del contratto di solidarietà dello scorso aprile per rimettere i conti in ordine e nella giornata di giovedì 19 ottobre sono comparse nelle bacheche aziendali le copie della dichiarazione di avvio di procedura di mobilità. L'azienda di via Tangenziale occupa attualmente 92 dipendenti, divisi in 40 impiegati, 46 operai e 6 intermedi e la procedura di licenziamento collettivo riguarda 27 operai, 12 impiegati e 1 intermedio.

Anche se la notizia era nell'aria già da parecchio tempo, vederlo scritto nero su bianco ha gettato nello sconforto quanti si sono riconosciuti tra i profili professionali in eccedenza (al momento non figurano i nomi) che a meno di un salvataggio in extremis per qualcuno, andranno inesorabilmente ad ingrossare le fila dei disoccupati, già numerose, mettendo in difficoltà molti nuclei familiari della zona.

venerdì 20 ottobre 2017

La Bonino e il calo demografico italico

Dice la Bonino che siccome in Italia c'è un calo demografico, allora è giusto fare lo ius soli per tutti gli immigrati. Sentirla parlare di calo demografico quando qualche tempo fa, con tutta probabilità, praticava aborti clandestini... fa un tantino ribrezzo. Inoltre, continua a berciare sull'importazione degli immigrati pur sapendo che esistono famiglie italiane che vorrebbero avere figli ma non possono averne perchè per loro, non ci sono politiche adatte. Chè certe politiche, vanno come quasi sempre, agli immigrati.

mercoledì 18 ottobre 2017

L'armata brancaleone nelle marche...

E mentre la desertificazione del lavoro e del territorio continua e il pugno in faccia della non ricostruzione post terremoto è ferma, il trenino PD passa anche da qui... a fare cosa, non è dato di sapere. Perchè fonzarelli (e il suo partito), poteva fare qualcosa quando era premier, qualcosa di positivo, non il jobs act con la totale cancellazione dei diritti dei lavoratori...

Fermo, la crisi del calzaturiero e le proposte di Confindustria. Melchiorri: “Siamo una piccola Ilva, bisogna riconoscere la crisi del settore”

Fermo, 16 ottobre 2017“Anche se la meccanica, l’agroalimentare, i gioielli e la chimica hanno ripreso a correre, la crescita nel Fermano è una chimera, specialmente per il comparto calzaturiero”. L’analisi del presidente di Confindustria Fermo, Giampietro Melchiorri, è drammatica. Ma non mancano le proposte.

L’oggetto è un settore che rappresenta il 10% dell’economia fermana. “Seguiamo ogni giorno la situazione – spiega Melchiorri -, ma la questione va affrontata con politiche industriali mirate, bisogna far capire a Roma che siamo una piccola Ilva”.

Il leader degli industriali fermani individua i motivi per i quali la situazione è precipitata: “Un calo dei mercati di riferimento, la perdita di alcune griffe che hanno portato via il lavoro dal nostro distretto, la perdita di appeal per i marchi che producono per la grande distribuzione”. E, sullo sfondo, “un problema di costo del lavoro, che rende il distretto fermano-maceratese meno competitivo”.

Cosa fare, allora? “La vera necessità, appunto, è ridurre il costo del lavoro, perché altrimenti è impossibile incidere sul prezzo delle calzature e concorrere con i Paesi dell’Est Europa e con gli altri distretti italiani”. Melchiorri, però, si rivolge anche agli associati: “Noi imprenditori dobbiamo fare qualcosa a cominciare dalle nostre dimensioni, troppo piccole per reggere il mercato”. Serve un salto culturale, la ricetta è questa: “Fare sistema anche tra imprese concorrenti, ad esempio comprando materie prime con un unico ordine, prendendo consulenti comuni, partecipando a stand unici nelle fiere all’estero”.

lunedì 16 ottobre 2017

Fin dove possono arrivare...

Pesaro, vietato fotografare i profughi. Bufera sul diktat del prefetto. Nel documento si chiede alle forze dell'ordine di controllare i cittadini "con rigore" di Alessandro Mazzanti

Pesaro, 15 ottobre 2017
- Quella circolare sui migranti, firmata pochi giorni fa dal prefetto di Pesaro Urbino, Luigi Pizzi, e recapitata ai vertici delle forze dell’ordine, è diventata in un attimo una specie di bomba a grappolo che mentre deflagra coinvolge la politica, l’animo della gente e i rapporti cittadini-istituzioni. Venti righe pesanti in cui la massima autorità del governo sul territorio ordina due cose ‘semplici’ ai colonnelli di carabinieri e Finanza e al questore: bisogna impedire che i residenti di Borgo Santa Maria e Pozzo Alto (due quartieri alla periferia di Pesaro che si erano lamentate dell’eccessiva presenza di migranti sul loro territorio, ndr) facciano foto ai migranti e chiedano loro le generalità. Perché se continuiamo così, argomenta il prefetto, se la logica insomma resta quella della ‘schedatura’ e del conflitto strisciante, rischiamo che dagli scontri verbali si passi a quelli fisici. Il clima è già teso, evitiamo di incancrenirlo definitivamente. Quindi? "Disponete servizi di vigilanza e di controllo del territorio, con impiego di tutte le forze di polizia, onde prevenire e reprimere con rigore qualunque condotta del tipo sopra segnalati".

Apriti cielo. La circolare, che era ‘segreta’, diventa pubblica esattamente il giorno dopo che una delegazione proprio, guarda caso, del quartiere di Borgo si era recata da Pizzi con una lettera che diceva: "Signor prefetto, qui i migranti sono troppi: da 92, vorremmo che ne rimanessero solo 15". In contemporanea, i residenti leggono sul giornale le venti righe esplosive: chi fa foto o chiede un nome a un profugo rischia un procedimento per esercizio abusivo di pubbliche funzioni. Ma è davvero così? Dice Francesco Coli, legale espertissimo, già difensore di Lucia Annibali: "Uno può tranquillamente chiedere il nome a un’altra persona, senza incorrere in nessuna violazione. E l’altra può rifiutarsi di dare le generalità, a meno, ovviamente, che a chiederle non sia un pubblico ufficiale. Sulla privacy, poi, non ci vedo estremi di violazione facendo una foto, se è in luogo pubblico. Chiaro, che se poi ne faccio un uso diffamatorio, il discorso cambia". Ma, diritto a parte, come l’avranno presa, la circolare, a Borgo Santa Maria e dintorni? La prima risposta: "Una cosa molto grave".

Poche ore dopo, gli stessi residenti diramano una nota ufficiale: "Siamo delusi. Qui non vogliamo creare allarmismo, ma segnalare un disagio sentito da tutta la comunità del quartiere. La problematica dei migranti è reale, vogliamo creare un dialogo costruttivo con le Istituzioni per risolverla". Sono i politici i più avvelenati. Il centrodestra, i cui sindaci (di 13 comuni di questa provincia) sono già entrati in collisione con lo stesso prefetto giorni fa sempre sulla questione migranti, prende la palla al balzo: "Fare foto ai profughi è vietato – argomenta il consigliere comunale di Pesaro della Lega Nord, Giovanni Dallasta –. Anche mettere 110 immigrati in un quartiere dovrebbe essere vietato. Perché chi fa le foto agli ospiti deve essere perseguito e chi sistema in maniera irrazionale i profughi no?".

Ma il problema, poi, è: come possono le forze dell’ordine controllare e impedire che nessuno faccia foto o chieda nome e cognome a un migrante? E non era un dogma – è il ragionamento di tanti, vedi Stefano Pollegioni carabiniere a riposo – il fatto che la gente debba collaborare con le forze di polizia, se necessario anche informandosi su chi sono i volti nuovi che girano per i quartieri, o documentando, anche con foto, se si creano situazioni sospette? Il segretario provinciale del Siulp, il sindacato di polizia, Marco Lanzi: "La nostra priorità è la caccia ai criminali, non ai cittadini che fanno foto. Dove troviamo gli uomini, risicati come siamo, con una Volante sola per notte sul territorio?". Eppure solo a fine agosto gli animi si erano stemperati in un maxi-provino fatto ai profughi calciatori proprio sul campo di Vallefoglia, zona calda. Gli unici contrasti erano sulla linea del fallo. Ma evidentemente mancava un tempo supplementare.

giovedì 12 ottobre 2017

"Non vi lasceremo soli"...


C’è una sola parola che ci viene in mente: «ricatto». E se questo è l’esordio del commissario alla ricostruzione Paola De Micheli il rischio è di dover rimpiangere Vasco Errani. Parlando con “Il Messaggero”, nelle scorse ore, la De Micheli ha chiarito la sua posizione, che evidentemente è anche quella del Governo, sulle cosiddette “casette fai da te”. Eccola: «Il provvedimento contempla due possibilità - sottolinea la De Micheli, al quotidiano romano - : la prima prevede che chi si è organizzato con una casa mobile, la potrà tenere se rispetta tutti i vincoli, paesaggistici e di edificabilità, quindi rinuncia alla casetta e al contributo di autonoma sistemazione. Una volta realizzata la ricostruzione della sua abitazione, la casa mobile sparisce. Il secondo caso riguarda le strutture fisse per le quali è possibile chiedere una regolarizzazione rinunciando alla casette e al contributo per la ricostruzione. Ma devono sempre rispettare i criteri edilizi e paesaggistici». Fuori dal politichese, e ci permettiamo noi di tradurre, il succo è questo: ogni terremotato che esasperato dai ritardi della Sae, o addirittura non inserito in coloro che hanno diritto alle casette d’emergenza, potrebbe costruirsi a sue spese, e ripetiamo a sue spese, una casetta. Magari l’unica soluzione possibile per non abbandonare la propria terra. Ma così facendo, cioè provvedendo di tasca sua a dotarsi di un tetto, dovrà dire addio ad ogni contributo statale per la ricostruzione di quella che una volta era la sua vera abitazione. Perchè se vuoi fare da solo sarai abbandonato a te stesso. In pratica, e se a qualcuno viene in mente un altro termine ce lo suggerisca pure, un autentico ricatto.

martedì 10 ottobre 2017

Senza altre parole...

lunedì 9 ottobre 2017

Fare di tutto per lo ius soli

Nel frattempo, sale la lista dei radical chic che fanno lo sciopero della fame a "staffetta". E' la volta dell'archistar Renzo Piano... Niente altro che omuncoli ridicoli.


"Don Minniti" ora apre alla Chiesa. L'ultima mossa per salire a Palazzo Chigi. Il sì allo ius soli lo ha riavvicinato ai cattolici. E il Pd trema di Angelo Amante

Roma - I cattolici lo abbracciano, la destra lo rispetta. Le sindache 5 Stelle di Torino e Roma, Chiara Appendino e Virginia Raggi, non negano di apprezzarne l'atteggiamento. Il sostegno trasversale al ministro dell'Interno, Marco Minniti preoccupa invece la sinistra. Il titolare del Viminale potrebbe essere un nome da spendere per Palazzo Chigi, specie se dalle prossime Politiche non dovesse venire fuori una chiara maggioranza di governo.

Da mesi, Minniti vola nei sondaggi. Il ministro gode di grande considerazione anche all'estero: lo scorso agosto il New York Times lo definì «Lord of the Spies», signore delle spie, facendone un ritratto lusinghiero. Ne hanno tracciato il profilo anche gli inglesi del Guardian, i francesi di Le Figaro e i tedeschi della Süddeutsche Zeitung. I risultati ottenuti da Minniti sul fronte sbarchi (meno 25% rispetto al 2016), hanno fatto tirare un sospiro di sollievo a tutte le cancellerie europee. E piace anche a destra. «Chi pensa alla sharia deve capire che in Italia no, su questo non ci possono essere mediazioni, sono valori non discutibili», ha detto ieri il ministro, parlando ad Aosta alla Scuola per la democrazia.

Il rapporto tra il numero uno del Viminale e il mondo cattolico è stato segnato da alti e bassi. Ma i segnali di convergenza si moltiplicano. Sempre ieri, il ministro è tornato a parlare dalle colonne di Avvenire. Il direttore del giornale dei vescovi, Marco Tarquinio, non aveva lesinato critiche nei confronti del codice di condotta varato la scorsa estate per le Ong che operano nel Mediterraneo. Su questo tema, si era anche arrivati vicini a uno scontro interno al governo con un altro cattolico, Graziano Delrio. Ora la musica è cambiata. Il punto di contatto decisivo è la questione ius soli. Ad Avvenire, Minniti ha ribadito che si deve «fare di tutto» per approvare la legge sulla cittadinanza ai figli di immigrati «anche così com'è, in questa legislatura». Per sostenere la linea di maggiore fermezza nella gestione degli sbarchi, Minniti ha cercato fin da subito il sostegno dei cattolici, contando anche sui buoni uffici del premier, Paolo Gentiloni. Il ministro dell'Interno ha stabilito una relazione salda con il suo omologo in Vaticano, monsignor Giovanni Angelo Becciu, e con il segretario di Stato, Pietro Parolin.

Chi non vede di buon occhio l'irresistibile ascesa di Minniti è la sua stessa famiglia politica. Le scelte sulle Ong furono criticate dall'area cattolica del Pd guidata da Delrio, mentre la sinistra interna al partito, che fa capo al Guardasigilli Andrea Orlando, prese le difese delle organizzazioni non governative. Si è schierato contro Minniti anche il suo vecchio mentore, Massimo D'Alema, che pochi giorni fa, sprezzante, lo ha definito un «tecnico della sicurezza». Ma è tutto Mdp a considerare le politiche sull'immigrazione un tentativo di rincorrere la destra. Infine c'è Matteo Renzi, preoccupato dai consensi al ministro, che dal Viminale potrebbe dare scacco matto prima al Nazareno e poi a Palazzo Chigi.

sabato 7 ottobre 2017

Lo stato contro Peppina


 Hanno cacciato Peppina. Lo Stato ha cacciato Peppina, con la sua assurda severità. I giudici hanno cacciato Peppina, con la loro ingiusta e insensata decisione. Ma soprattutto i politici, tutti, hanno cacciato Peppina. Incapaci di rimediare a una legge sbagliata nonostante le passerelle da campagna elettorale, giocata sulle spalle di una signora di 95 anni. È stato, infatti, rigettato il ricorso contro il sequestro della casetta dove vive l’anziana Giuseppa Fattori. La decisione è stata presa dai giudici già nella serata di ieri e comunicata oggi a procura e legale della famiglia. Peppina sarà così cacciata dalla casetta di legno, di poco più di 60 metri quadrati, edificata in località San Martino di Fiastra. Una casetta realizzata dai familiari dell’anziana questa estate per consentire alla donna di rimanere là dove ha sempre vissuto. Al suo paese. Un paese martoriato dal terremoto, dove la signora chiedeva solamente di poter morire in pace. Ora, invece, dovrà andarsene. Come annunciato dalla figlia Agata Turchetti.

E mentre a Fiastra, cacciano Peppina, a Castelluccio Di Norcia 1452 Mt., il vento ha distrutto il tendone provvisorio pensato per offrire un asilo momentaneo ai ristoratori e un banco di prodotti tipici. Perché a non far niente di concreto questo succede. Che si buttano anziane fuori di casa e si scopre che le soluzioni tampone non valgono nulla. O quasi. 


Pagliacci di governo


L’uomo dei diritti del Pd ha un problema a riconoscerli: da 5 anni non versa i contributi all’assistente parlamentare. Il deputato Khalid Chaouki, coordinatore dell'intergruppo cittadinanza e immigrazione, è citato in giudizio dalla sua assistente parlamentare per omessi versamenti. Il Fatto.it lo chiama e per magia "tutto risolto, pagherò". Ma agli atti non risulta. C'è poi il caso di Scilipoti che ha pagato 1.500 euro per conciliare la causa con un portaborse al nero. E pure chi alla fine cede, ma pretende il silenzio con una clausola penale da 50mila euro di Thomas Mackinson    

C’è un campione dei diritti umani e del Pd che si scopre evasore contributivo totale e pure contumace. Ha appena aderito allo sciopero della fame per lo ius soli e da sempre difende parità di diritti tra stranieri e italiani, ma alla sua assistente parlamentare – italianissima – da cinque anni non versa un contributo che sia uno, come fosse una colf in nero, totalizzando nell’arco di un’intera legislatura la bellezza di 12.500 euro di mancati versamenti previdenziali. La storia che tira in ballo Khalid Chaouki – deputato e coordinatore dell’intergruppo cittadinanza e immigrazione – racconta meglio di altre la doppia morale del ceto politico nostrano. Diceva Ghandi che la democrazia si vede da come si tengono gli animali. In Italia anche da come i parlamentari trattano i loro assistenti, come conferma lo scandalo appena costato le deleghe a un sottosegretario. Nel caso specifico Chaouki appena eletto ha assunto una collaboratrice ma nonostante le richieste di regolarizzare la posizione non le ha versato i contributi per quasi 5 anni. Così lei lo trascina in giudizio, al quale lui si sottrae finendo per essere dichiarato contumace dal giudice, come un qualunque gestore di pub in fuga dal Fisco.

Parliamo di un giovane politicamente cresciuto sulla battaglia per i diritti degli ultimi fino a diventare un pezzo grosso del Partito Democratico. “Ma è tutto risolto – assicura lui al telefono, preso alla sprovvista – è vero, c’è stato un ritardo nel versamento (di 5 anni, ndr) che è dovuto a problemi personali, ma ora abbiamo trovato un accordo, per cui la causa sarà ritirata. Altro non dico”. Il legale di lei, avvocato Marzia Rositani, avvertito dell’interesse della stampa in serata precisa: “Un possibile accordo è in avanzato stato di composizione”. Accordo che arriva dunque dopo il vorticoso giro di telefonate ma agli atti, per ora, non risulta nulla di tutto ciò. Tanto che è già fissata la prossima udienza che si terrà il 20 febbraio 2018, alla fine della Legislatura.

Per saperne di più bisogna superare i cancelloni grigi di Piazza Buozzi, sede del tribunale civile di Latina. Muoversi tra le cancellerie e ruolini delle udienze. Col numero di protocollo 906/2017, da marzo scorso, pende qui l’azione giudiziale proposta dall’assistente S.M. contro Chaouki Khalid da Casablanca. Si scopre allora che in verità Chaouki è anche uno dei pochi che dopo un biennio di cocopro ha fatto un contratto regolare alla Camera, anzi coi fiocchi, approfittando degli incentivi previdenziali del JobsAct. Quando però ha capito che non coprivano tutti i costi e che una parte della previdenza sarebbe stata a suo carico ha deciso semplicemente di non pagare, ipotecando senza troppe remore il futuro pensionistico. Perché alla fine è come se lei non avesse mai lavorato. E poco importa se l’evasione contributiva, per certa giurisprudenza, si configura come un reato di appropriazione indebita, giacché i contributi sono trattenuti in buona parte anche dallo stipendio del lavoratore. E infatti lui non sembra preoccuparsene più di tanto.

A giugno si è svolta la prima udienza alla quale non ha partecipato alcun legale del citato in giudizio, per il semplice fatto che il deputato non si è mai costituito. Era presente però l’Inps perché avendo anticipato i contribuiti figurativi, e verificato di non aver mai ricevuto i pagamenti effettivi, ha aderito al giudizio contro il “datore”. I giudizi in realtà sono poi due, perché l’assistente ha almeno preteso il pagamento della 13esima prevista dal contratto sottoscritto post Jobs Act che il deputato non voleva pagare. Il giudice ha emesso un decreto ingiuntivo, mr Chaouki ha pagato. E forse un giorno pagherà davvero il resto.

La vicenda è un’ulteriore anomalia dell’anomalo sistema di lavoro nei palazzi della Repubblica. Fabio Santoro è il legale che segue alcune delle cause al fianco dell’Associazione degli assistenti parlamentari (Aicp) che giovedì era in piazza Montecitorio a protestare contro la condizione di precariato e sfruttamento della categoria. Dalla sua viva voce si scopre una notizia: quando gli onorevoli sono citati in giudizio corrono a conciliare. E’ successo con Domenico Scilipoti contro il quale ha difeso un assistente che sosteneva di essere stato impiegato al nero per alcuni mesi, e alla fine ha pagato 1.500 euro per conciliare la causa davanti al giudice.

Ma gli onorevoli conciliatori – che da datori sfruttavano i loro stessi collaboratori – nei panni del debitore spesso tengono la posizione fino all’ultimo. “Di solito propongono accordi stragiudiziali o direttamente in giudizio, appena inizia il processo, nei quali fanno balenare la restituzione del dovuto a fronte di un impegno alla riservatezza totale, a tutela della loro immagine, circa l’irregolarità dei rapporti in essere”. Impegno che in un caso è arrivato a una proposta di penale record di 50mila euro. Tanto, a giudizio dell’onorevole in questione, valeva la reputazione di un deputato. Non per nulla la proposta è stata rifiutata. E lui ha conciliato lo stesso.

Crede all’impegno della Boldrini per una revisione delle norme che metta fine agli abusi? “Non ci credo, spero di essere smentito. Ha avuto quasi cinque anni di tempo per occuparsene e la situazione le è stata prospettata dal primo giorno della legislatura esattamente come con Bertinotti e Fini prima di lei. Promettere ora, a fine legislatura, un impegno sembra una premura pre-elettorale. Basta una delibera del suo ufficio, e se in quello non ha l’appoggio dei capigruppo lo convochi in modo da formalizzare le posizioni, così che ciascun partito si assume la sua responsabilità in questa storia di fronte agli elettori. Ha il sostegno di tutto il Paese su questo. Vediamo se vincerà ancora una volta l’ipocrisia”.

venerdì 6 ottobre 2017

I lavori che gli italiani non vogliono più fare...


Adesso i migranti non vengono a svolgere solo i lavori che gli italiani non intendono più fare. Ma anche quelli piuttosto ambiti, o che comunque hanno lunghe file di attesa a causa della crisi del mercato del lavoro. Come i bidelli. Un decreto del ministro Valeria Fedeli, infatti, permetterà agli stranieri, anche i migranti con semplice permesso di soggiorno, di accedere alla terza fascia della graduatoria Ata per le scuole. Scavalcando così migliaia di italiani in attesa da anni. Da lungo tempo infatti le graduatorie per le supplenze del personale amministrativo, tecnico e ausiliario nelle scuole italiane scorre a rilento. In molti vi aspirano, anche solo per lavorare qualche mese. Ma adesso dovranno fare i conti con la concorrenza degli stranieri.

Il governo per far fronte alla richiesta dell'Ue di permettere a tutti gli immigrati comunitari, profughi e titolari di protezione sussidiaria o permesso di soggiorno di contendere agli italiani le supplenze o i posti fissi del settore Ata nella scuola. Il decreto dice per la precisione "titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permenente". Quindi via libera agli extracomunitari. La protesta, come spiega La Verità oggi in edcola, è stata portata avanti dal Presidente nazionale di Feder.ata, Giuseppe Mancuso: "Negli ultimi anni si sono persi posti di lavoro nel settore del personale non docente della scuola - dice - I pensionati non sono stati rimpiazzati e circa 15- 20.000 precari attendono un inserimento stabile: sono precari che hanno già avuto una formazione e hanno un’esperienza del lavoro, molto delicato, da compiere nella scuola". Precari che potrebbero essere superati dagli immigrati. "È decisamente irrazionale scavalcare questi precari che attendono da anni e immettere cittadini di altri Paesi che possono avere tutte le qualità e anche titoli equivalenti ma non possono avere l’esperienza già maturata sul campo dai precari italiani".

venerdì 29 settembre 2017

Sull'essere indegni

Un predisente della repubblica che parla contro il proprio paese, è un presidente indegno di ricoprire una carica del genere.

Mattarella: “No ad un ritorno alla sovranità nazionale”. È bufera: “Parla contro la Costituzione”

È il tema della sovranità a tenere banco in occasione delle celebrazioni per l’anniversario dei Trattati di Roma. Per il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, «nessun ritorno alle sovranità nazionali potrà garantire ai cittadini europei pace, sicurezza, benessere e prosperità». «Nessun Paese europeo, da solo, potrà mai affacciarsi sulla scena internazionale con la pretesa di influire sugli eventi, considerate le proprie dimensioni e la scala dei problemi», ha aggiunto il capo dello Stato, durante la cerimonia a Montecitorio per il sessantesimo del trattato con cui sono state istituite la Comunità economica europea e la Comunità europea dell’energia atomica, gettando le basi per l’attuale Unione.
 
Meloni: «La nostra sfida è quella della sovranità»

Proprio ciò che è diventata l’Unione europea oggi, però, impone di ritrovare una nuova centralità per gli Stati. «La sfida che dobbiamo riuscire ad interpretare è la sfida della sovranità, di una proposta politica che dica “prima gli italiani”, che dica “difesa del nostro prodotto, dei nostri lavoratori, del nostro made in Italy, dei nostri diritti, dei nostri confini”», ha ricordato ai microfoni di RTL 102.5 Giorgia Meloni, che sabato all’Angelicum di Roma, nel corso dell’incontro “Italia Sovrana in Europa”, presenterà un’idea di Europa ispirata al modello  della confederazione di Stati. «Dobbiamo fare cartello come Italia, come fanno le altre nazioni anche quando tentano di venire a occupare la nostra realtà, come fanno le altre nazioni europee», ha sottolineato ancora la presidente di Fratelli d’Italia.

Le nuove ingerenze del vaticano...


"Se il tempo che si vuole frapporre per l'approvazione, è un tempo destinato a migliorare le cose, avrebbe un senso. Ma se rimandare vuol dire soltanto prendere tempo, cercare di non pagare il prezzo per un'approvazione così importante, allora qualche difficoltà c'è ad apprezzare tutto questo". Monsignor Nunzio Galantino, segretario della Cei, torna alla carica. E, ai microfoni del Gr1, atttacca quelle forze politiche che hanno rinviato la legge sullo ius soli: "Due anni fa questa legge alla Camera è stata approvata da chi oggi non l'approva".

Nonostante lo stop in parlamento, la Cei continua a sostenere (con vigore) la legge che regala la cittadinanza ai figli degli immigrati nati in Italia. E adesso se la prende con quelle forze politiche che, dopo aver appoggiato lo ius soli, hanno fatto un passo indietro. "Probabilmente chi si è tirato indietro avrà le sue buone ragioni - attacca Galantino - purtroppo sul tema dello ius soli sono state scaricate tante tensioni - aggiunge, poi, il segretario della Cei - su questo tema sono stati scaricati i temi e i problemi dell'immigrazione ma è una realtà che non c'entra niente". In Italia, secondo Galantino, c'è "un'eccessiva semplificazione e soprattutto un approccio curvaiolo, da tifo da stadio".

Già ieri Galantino si era scagliato contro il parlamento per aver fermato l'iter della legge. "Si è trovato il modo di accelerare sui diritti delle coppie formate da persone dello stesso sesso - aveva tuonato - si dia almeno la stessa attenzione ai diritti di italiani tenuti senza cittadinanza". Una presa di posizione che ha fatto infuriare anche le associazioni arcobaleno. "Non ha senso mettere in competizione i nostri diritti con quelli degli altri - ha commentato il portavoce di Gay Center, Fabrizio Marrazzo - sono stati dati diritti a persone che non li avevano, su questo punto bisogna in realtà fare ancora molti passi in avanti in Italia, ma questo non significa che si debba colpevolizzare una comunità che sulla questione dello ius soli non ha influenza. Spetta alla politica dare risposte".

martedì 26 settembre 2017

I soldi degli sms


Il tesoretto destinato con gli sms ai terremotati è finito, come denunciano i comitati di chi ha dovuto fare i conti col sisma, per il "finanziamento di appalti che nulla hanno a che vedere con il terremoto". Una serie di progetti che fanno discutere. Ecco qui quali sono quelli finanziati:

La pista ciclabile. Il voltafaccia della Regione - È diventata l’opera simbolo dello sviamento dei fondi destinato ai terremotati con gli sms solidali: la pista ciclabile Civitanova – Sarnano. Si tratta di un anello che congiunge i due paesi delle Marche, uno solo dei quali, Sarnano, rientra nel cratere del terremoto. Ma la contestazione è soprattutto rivolta alla natura dell’opera dal costo di 5,5 milioni: cosa c’entra una pista ciclabile con l’aiuto ai terremotati? La Regione Marche la vede come volano per il turismo, ma è difficile pensare che sia il tipo di aiuto per cui gli italiani hanno deciso di allargare il cuore e il portafogli. E infatti la Regione ha fatto dietrofront dopo le polemiche.

La nuova strada che scende giù dalle colline - Molto contestata la previsione di spendere 5 milioni per ammodernare una strada, la Valdaso, che dalle colline marchigiane scende verso il mare, coinvolgendo il piccolo centro di Comunanza che è effettivamente uno dei Comuni colpiti dal sisma. Si tratta di un'opera di cui si vagheggiava da tempo e che in effetti non ha legami con la ricostruzione post terremoto. Per alcuni è anche non indispensabile, vista la presenza di una super strada. La Regione Marche ha spiegato che così vuol dare lavoro ad aziende locali facendole restare in zona. Ma lo scopo pare diverso dall'aiuto immediato offerto grazie agli sms solidali.

Grotta termale fuori uso da decenni - Altri tre milioni degli Sms solidali sono stati destinati dalla Regione Marche a riaprire la grotta sudatoria di Acquasanta Terme (Comune incluso nel «cratere»), una struttura termale chiusa da decenni. E non per colpa dell'ultimo terremoto. Di per sé non c'è niente di sbaglio a rendere di nuovo fruibile la splendida grotta che un sondaggio del Fai ha votato tra i «luoghi del cuore» preferiti dagli italiani. Ma ancora una volta, le Marche hanno scelto di usare il denaro versato per dare una mano a chi ha perso la casa o l'azienda per scopi scollegati dal terremoto che, pur meritando il finanziamento, dovrebbero attingere altrove.

I sette eliporti per ogni tipo d'emergenza - Tra le opere che verranno finanziate attraverso gli sms solidali ci sono anche sette elisuperfici destinate al decollo e atterraggio notturno di elicotteri in paesi delle Marche. La cifra stanziata è di 1,5 milioni di euro e, tra tutte, è la destinazione che può vantare una qualche forma di legame con le finalità di aiuto ai terremotati. Le elisuperfici potranno infatti essere utilizzate anche da mezzi di pronto intervento della Protezione civile che, in passato, hanno spesso avuto notevoli difficoltà a raggiungere le più impervie tra le zone appenniniche colpite dal sisma, spesso collegate da strade che il terremoto ha reso inagibili.

Le tre scuole da costruire: una fuori cratere - Anche la Regione Lazio è finita nel mirino per l'uso disinvolto dei fondi raccolti grazie alla generosità degli italiani. Circa tre milioni di euro sono stati destinati alla costruzione ex novo di tre scuole nei Comuni di Poggio Bustone, Rivodutri e Collevecchio. L'ultimo dei tre paesi beneficiati, Collevecchio, non rientra però tra le località incluse nell'area del «cratere» terremotato, eppure fruirà dello stanziamento di oltre un milione di euro. I comitati dei terremotati fanno anche notare che per l'edilizia scolastica sono disponibili altri 230 milioni di euro e quindi i fondi degli Sms potrebbero essere usati altrove.

lunedì 25 settembre 2017

La chiesa mondialista e lo ius soli

La Cei in campo per i migranti: ius soli, accoglienza, xenofobia. Il presidente della conferenza episcopale, cardinal Bassetti: "La nuova cittadinanza favorirà l'integrazione" di Luca Romano

Il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti aprendo il consiglio permanente della Conferenza Episcopale italiana torna ad affrontare il tema dello ius soli. "Alla luce del Vangelo e dell’esperienza di umanità della Chiesa, penso che la costruzione di questo processo di integrazione possa passare anche attraverso il riconoscimento di una nuova cittadinanza, che favorisca la promozione della persona umana e la partecipazione alla vita pubblica di quegli uomini e donne che sono nati in Italia, che parlano la nostra lingua e assumono la nostra memoria storica, con i valori che porta con sè", ha affermato il cardinale. Dunque la posizione della Cei riguardo alla legge per il momento congelata al Senato che introiduce la cittadinanza per i figli degli immigrati nati in Italia è abbastanza chiara: "Accogliere, proteggere, promuovere e integrare sono i 4 verbi che Papa Francesco ha donato alla Chiesa per affrontare la grande sfida delle migrazioni internazionali", ha aggiunto Bassetti. Il processo di integrazione "richiede, innanzitutto, di fronteggiare, da un punto di vista pastorale e culturale, la diffusione di una ’cultura della paurà e il riemergere drammatico della xenofobia. Come pastori non possiamo non essere vicini alle paure delle famiglie e del popolo. Tuttavia, - avverte Bassetti - enfatizzare e alimentare queste paure, non solo non è in alcun modo un comportamento cristiano, ma potrebbe essere la causa di una fratricida guerra tra i poveri nelle nostre periferie. Un’eventualità che va scongiurata in ogni modo".

Il presidente della Cei inoltre ha anche parlato dei recenti episodi di violenza che hanno copito diverse donne in Italia: "Vorrei testimoniare la più sincera vicinanza a tutte quelle donne che in Italia, pressochè quotidianamente, sono vittime di una violenza cieca e brutale". Infine il cardinale parla anche di Fisco e di tutte quelle misure da adottare per dare un sostegno forte alle famiglie, soprattutto quelle numerose: "Una misura di cui avvertiamo l'assoluta importanza non solo perché avrebbe dei benefici sui redditi familiari ma perché potrebbe avere degli effetti positivi su un tema cruciale per il futuro della nazione: quello della natalità". "Il contesto attuale - caratterizzato da un crescente aumento di convivenze, separazioni e divorzi, nonché da un tasso di natalità che continua a diminuire drammaticamente - ci impone di guardare alla famiglia in modo concreto, senza cercare alcuna scorciatoia, scorgendo nelle fragilità della famiglia non solo i limiti dell'uomo, ma soprattutto il luogo della Grazia".

domenica 24 settembre 2017

In pompa magna...

Per consegnare 11 casette di legno in croce, si sono presentati tutti in pompa magna, sorridenti e sereni. Quegli stessi che dicevano alle popolazioni terremotate che no, nessuno vi lascerà soli. Dopo un anno consegnano altre 11 casette... Ceriscioli (quello che voleva usare i soldi degli sms... a proposito di sms, parla Pirozzi, qui) dice che spera di consegnarne il 90% entro fine anno... che parla a fare sto buffone! Ma io, che sono io, invece di ringraziare sta marmaglia, l'avrei cacciata a calci nel culo a costo di beccarmi un anno di galera. Qui il post sulla consegna, vi prego, leggetelo e guardate bene quelle facce da culo dei dirigenti marchigiani! Intanto, la signora Peppina, viene sfrattata dalla casetta di legno con l'accusa di abuso edilizio. Una vergogna infinita.

giovedì 21 settembre 2017

Le femministe e gli stupri

Le femministe ad intermittenza hanno manifestato contro i presunti stupratori di Firenze (insieme a sveglio-Nardella) perchè italiani, hanno manifestato contro lo stupratore (italiano) siculo ma non lo hanno fatto col caso di Rimini, di Roma e in un altro paio di casi altrettanto gravi se non gravissimi con gli stupratori immigrati. Su questa notizia, raccontata sommessamente al tg 5, ignorata dalla maggior parte delle testate, la si dice sottovoce. E' il secondo caso... ma zitti eh? Perchè non si può creare allarmismo. Perchè non si può dire che gli immigrati (illegali) sono delinquenti e hanno evidenti problemi con la sessualità e di psiche.

Bergamo, operatrice di un centro di accoglienza stuprata da un immigrato

Una operatrice di 26 anni di un centro di accoglienza per rifugiati in provincia di Bergamo sarebbe stata violentata da un migrante. L'abuso darebbe avvenuto a Fontanella, nella Bassa Bergamasca e un ventenne originario della Sierra Leone è stato fermato. 

Riporta il sito Bergamonews.it che le urla della ragazza hanno richiamato l'attenzione di altri due ospiti del centro che hanno sfondato la porta e costretto il giovane alla fuga. Sul posto sono poi arrivati i carabinieri della stazione di Calcio, subito allertati, che grazie alla descrizione del migrante lo hanno individuato e fermato poco dopo. La vittima è ora ricoverata all'ospedale di Treviglio con una prognosi di trenta giorni.

mercoledì 20 settembre 2017

I tweet di Gentiloni...


sabato 16 settembre 2017

L'ha detto davvero


venerdì 15 settembre 2017

Sull'obbligo dei vaccini

Un tempo si sarebbe detto "il re è nudo", per intendere qualcosa sotto gli occhi di tutti ma che nessuno aveva il coraggio di dire. Ebbene, a dirla chiara ha pensato Dario Martini, redattore de "Il tempo" con un articolo di ieri, 13 settembre. Il Codacons ha subito ripreso la notizia, già denunciata diverso tempo addietro, chiedendo una volta per tutte un chiarimento. Di cosa si tratta? Del conflitto miliardario di interessi che c'è dietro i #vaccini obbligatori. Conflitto che vede coinvolti il ministero della Salute e il colosso farmaceutico Glaxo, produttore dei vaccini in questione. Il conflitto è stato segnalato anche dal vicepresidente emerito della Corte Costituzionale Maddalena. Chiariamo qualche dato.

Chi è Glaxo

La Glaxo SmithKline è uno dei colossi dell'industria farmaceutica mondiale. Produce la maggior parte dei vaccini imposti obbligatoriamente dalla legge #Lorenzin. Una spa quotata in borsa sui principali canali speculativi, per definizione, ha come scopo ultimo il profitto. Con l'introduzione dell'obbligo dei vaccini, è matematico comprendere quale balzo in avanti possano avere le entrate economiche della società. Fin qui tutto bene, dato che si parla di un'azienda privata che vende un prodotto. O No? A quanto pare no, dice Martini, perché le cose non stanno esattamente così.
 
La Glaxo all'interno del ministero della salute

L'obiezione sollevata da Martino e dal Codacons è che la Glaxo stia abusando della posizione avvantaggiata di alcuni suoi membri per favorire la vendita di un prodotto, i vaccini.

Insinuazione molto grave, che però Martino argomenta in questo modo. Emanuele Calvario è un nome sconosciuto, ma Martino, documenti pubblici alla mano, lo identifica come un membro del consiglio di amministrazione della fondazione Smith Kline. Fin qui tutto bene, se non fosse che Calvario è anche il segretario particolare del ministro della salute. Anche Raniero Guerra, nonostante se ne sia già parlato, potrebbe non essere molto noto. Si tratta di un altro membro del cda della fondazione, in particolare dal 2007 al 2010. E fin qui tutto normale. Se non fosse che Guerra risulta essere il direttore generale della Prevenzione del Ministero. Guerra è colui che ha ideato, dice Martino, il decreto vaccini. Raniero Guerra si è espresso anche sul caso della piccola Sofia Zago, morta all'ospedale di Brescia pochi gironi fa. Guerra ha pubblicamente escluso, in un'intervista a "La Repubblica", che ci siano le condizioni perché si sia trattato di una puntura di zanzara. Secondo il Codacons inoltre, Guerra avrebbe firmato tutti i provvedimenti sui vaccini, mentre avrebbe dovuto non farlo ai sensi dell’articolo 323 del codice penale.

Ma non finisce qui, dice Martino, perché nel cda della fondazione troviamo anche Roberto Basso, portavoce del ministro dell’Economia, e Angelo Lino Del Favero, dg dell’Istituto superiore di Sanità.
 
La replica del ministero: non c'è fine di lucro

Il giornalista de "Il Tempo" ha chiesto specificamente al ministero se vi sia conflitto di interessi in tutto questo. La replica del ministero è stata chiara. Calvario lavora a titolo gratuito, non ha competenze operative in tema di farmacologia e la fondazione Smith Kline non ha scopo di lucro. Quindi un uomo che decide sui vaccini non avrebbe competenze, sottolinea "Il tempo", chiarendo anche che la fondazione Smith Kline è finanziata dalla Glaxo. Ulteriore figura chiave in questa vicenda sarebbe Alessandro Picardi, manager e direttore della relazioni istituzionali e internazionali della RAI, cioè in sostanza colui che decide quale informazione diffondere in collaborazione con le istituzioni, cioè con il ministero della salute. Che c'entra? C'entra in quanto marito dello stesso ministro Lorenzin.

giovedì 14 settembre 2017

Sui presunti stupri di Firenze

Un paio di cose. Se a Firenze, è davvero stata una cosa consensuale, l'imbecillita' dei due carabinieri va punita in un determinato modo. Gli va tolta la divisa e vanno rimandati a casa. Se fosse stupro, li si condanna a 20 anni. Finora, le prove, pare che portino alla consensualità non troppo sobria. Se venissero condannati per questo, quanti "presunti" stupratori ci sono in giro? Non si potrebbe, per correttezza, nemmeno paragonare questo caso a quello di Rimini. Sul perché, arrivateci voi.

Nel frattempo,  le femministe (Lucarelli in primis, dietro di lei le Chiare Cecilie Santamarie, le faschion bloggers, le giornaliste e persino occhi vispi Nardella da Firenze) sono tornate dalle ferie lunghe e adesso, tuonano contro l'italico carabiniere. Sullo stupro di Rimini, hanno taciuto.

venerdì 8 settembre 2017

Sbagliato fare connessioni, dice...

Sbagliato fare connessioni, dice colei che vive con la scorta. Però, quando sono gli italiani pallidi a commettere crimini contro le donne, si urla all'emergenza violenza ed insorgono le femministe. Quando gli stessi crimini li compiono gli stranieri, si tende troppo spesso in qualche modo con la supercazzola, di giustificare. Poi, sta cosa della violenza di genere, è insopportabile. Tra l'altro, in congo (e non solo), è risaputo e conclamato che lo stupro è sia etnico che un atto di guerra. E tornano le domande: chi facciamo arrivare in italia? Non bastano i criminali italiani?


I femminicidi sono in calo ma l'emergenza il governo la sente comunque "finché il fenomeno non verrà debellato": parola di Maria Elena Boschi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e già ministro per le Riforme col governo di Paolo Gentiloni.

Intervistata dal Corriere della Sera, la Boschi affronta il tema della violenza di genere partendo da una delle questioni più spinose: quella della supposta correlazione fra immigrazione e violenze, che il sottosegretario nega con decisione. "Che l'autore o la vittima siano italiani o stranieri - spiega - non cambia niente, la gravità è pari", afferma invitando a non fare "facili connessioni" in materia.

E l'esponente del governo elenca diverse misure elaborate dal governo per contrastare la violenza. Nel piano dell'esecutivo sono comprese progetti specifici di formazione per carabinieri e agenti di polizia penitenziaria, per controllare meglio i condannati per reati sessuali all'interno delle carceri. Inoltre sono stati avviati protocolli di collaborazione con il Csm per la formazione dei magistrati e con i sindacati per la prevenzione degli abusi sul lavoro.

Particolare attenzione, assicura poi il sottosegretario, verrà dedicata a non lasciare sole le donne nel percorso successivo alle violenze: "Se esse avvengono nel contesto familiare alcune non denunciano perché hanno paura di perdere la casa, le relazioni affettive o la sicurezza economica e per questo abbiamo previsto, fra l'altro, strumenti più efficaci sulle politiche abitative", lavorando con i Comuni per stabilire criteri prioritari nell'assegnazione delle case popolari.

mercoledì 6 settembre 2017

Il no di Ungheria e Repubblica Ceca

"Meglio niente fondi che i migranti". I Paesi che sfidano l'Ue e non accolgono. Rivolta contro la Corte di giustizia che impone di accogliere i migranti. L'Ungheria: "Non ne accettiamo uno in più". E la Repubblica Ceca: "Non ci facciamo minacciare" di Giovanni Neve

Meglio perdere i fondi Ue che accogliere i rifugiati (e, in modo particolare, i musulmani). A sostenerlo è il presidente della Repubblica Ceca, Milos Zeman, dopo la sentenza della Corte europea che conferma il principio della redistribuzione dei migranti. "Non ci facciamo minacciare - ha messo in chiaro - ma se le cose volgessero al peggio è sempre meglio rinunciare ai fondi Ue che non lasciare entrare i migranti. Non si tratta di ucraini, di vietnamiti ma dimigranti islamici la cui cultura è completamente diversa dalla nostra". La Repubblica Ceca non è l'unico Paese dell'Unione europea che non vuole piegarsi alla Corte di Giustizia europea.

Oggi la Corte ha respinto i ricorsi presentati contro lo schema da parte dei due Paesi maggiormente "refrattari" alle quote obbligatorie di profughi da accogliere, Ungheria e Slovacchia, accusate dalla Corte di "mancanza di cooperazione". Come ha preannunciato il commissario Dimitris Avramopoulos, la stessa Corte si potrebbe trovare a sanzionare l'Ungheria, la Polonia e la Repubbica Ceca, se questi Paesi non provvederanno ad accogliere le rispettive quote di migranti "nelle prossime settimane". Passato l'esame dei giudici di Lussemburgo, lo schema, che ha finora permesso il ricollocamento di 27.695 rifugiati, di cui 19.224 dalla Grecia (soprattutto siriani) e 8.451 dall'Italia (in gran numero eritrei), non sarà però esteso oltre la scadenza fissata al 26 settembre. Dopo quella data, si continueranno a "trasferire" solo quei migranti che avranno già ottenuto lo status di "avente diritto". Secondo le stime della Commissione europea, sono oltre 7mila in Italia e quasi 5mila in Grecia. I numeri complessivi sono quindi ben lontani da quei 120 o 160 mila del programma iniziale, deciso nel 2015 in piena crisi migratoria.

La sentenza non è stata accolta positivamente dai Paesi dell'Est Europa. Che hanno già annunciato nuove barricate pur di non accogliere altri immigrati. Il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto ha definito "irresponsabile" la sentenza del Tribunale di Giustizia dell'Unione europea e che, per questo, il suo Paese "non intende accettare neanche un immigrato". Pur annunciando che "rispetta pienamente" la sentenza, il premier slovacco Robert Fico ha assicurato che la sua politica migratoria "non cambia". "Nel futuro - ha continuato - proseguiremo a lavorare perchè la solidarietà sia mostrata in altre maniere rispetto ad accettare i rifugiati che non vogliono stare qui". Durissima anche la posizione del presidente della Repubblica Ceca, Milos Zeman: "Non ci facciamo minacciare ma se le cose volgessero al peggio è sempre meglio rinunciare ai fondi Ue che non lasciare entrare i migranti - ha commentato - non si tratta di ucraini, di vietnamiti ma di migranti islamici la cui cultura è completamente diversa dalla nostra".

martedì 5 settembre 2017

Criminali illegali

Dal facebook di Sherif El Sebaie

Leggete per favore le dichiarazioni del Sindaco del paese in cui vive la famiglia dei minorenni dello stupro di Rimini, e ditemi se è normale quello che ho letto: "Avevamo trovato i soldi, più o meno 5 mila euro a persona o forse di più, per farli rientrare in Marocco dove si trovava il padre già espulso. Tutto era pronto, anzi madre e i quattro figli erano andati in caserma per partire. Poi non so cosa sia successo ma attraverso il tribunale dei minorenni ci siamo ritrovati il padre di nuovo a Vallefoglia mentre noi ci aspettavamo che la famiglia se ne andasse per sempre". Il padre era tornato illegalmente (ha patteggiato per questo una pena ad 1 anno e 4 mesi che sconta ai domiciliari) e davanti al tribunale dei minori di Ancona, che l’ha autorizzato a rimanere, ha promesso che col suo rientro avrebbe messo in riga i figli. Vabbeh.

domenica 3 settembre 2017

Il capo della banda di stupratori

Ed eccolo qui, su facebook, il richiedente asilo che con altri 3 delinquenti, ha stuprato due ragazze e picchiato a sangue un ragazzo a rimini. E' lecito continuare a chiedersi chi ci portiamo in casa? E' lecito chiedersi il perchè questo tizio, se ne va dal suo paese d'origine con una richiesta d'asilo politico in mano? Forse perchè in congo è un delinquente conclamato? Per non parlare poi degli altri tre minorenni... Chi sono queste quattro bestie? Perchè stanno in italia?

L'imperativo della Bonino...

Dal facebook di Diego Fusaro

Emma Bonino: "imperativo integrare e dare lavoro a 500.000 migranti". Non a 500.000 disoccupati, migranti o autoctoni che siano. Perché proprio migranti? Per spirito filantropico? Non credo. La verità è che la forza lavoro migrante è l'ideale per il capitale: costa meno, non ha coscienza di classe, non rivendica, è disposta a tutto. Per questo, solo per questo, stiamo assistendo alla terzomondializzazione dell'Europa, pronta a trasformarsi in un'immensa colonia tra le tante. Il tutto occultato con l'usuale vernice mondialista della retorica integrazionista: si scrive "accoglienza", si legge "sfruttamento". Sfruttamento capitalistico del lavoro umano, con annesso annichilimento della dignità dell'uomo.

lunedì 28 agosto 2017

Mediatori culturali e culture che arricchiscono...

Con l'augurio che non sia vero ma data la nazionalità (anche se si dice sia nato in terra italica) e il nome del tizio in questione, non si fa fatica a credere in ciò che ha scritto. Infondo, sappiamo bene che in africa lo stupro è una cosa normale. Ciò che non è normale è che il tizio abbia meno di 25 anni e la sua indole, accetta lo stupro come una cosa che alle donne piace... E non bastano i criminali italiani, li importiamo e gliela facciamo pure passare liscia.


"Il peggio viene solo all'inizio, poi una donna diventa calma e gode come un rapporto sessuale normale". Parola di Abid Jee, 24enne di Crotone che vive e studia Giurisprudenza a Bologna e (secondo quanto scrive nella sua pagina Facebook) collabora con la Cooperativa Lai-Momo, famosa nell'emiliano per la gestione di centinaia di migranti. Sul profilo, alla sezione lavoro, si legge: "Mediatore culturale e operatore sociale. Dal 25 dicembre 2016 a oggi, Bologna". Il commento choc in seguito allo stupro di Rimini.

A riportare la notizia è il Quotidiano Nazionale, che ha letto l'incredibile post di Abid Jee su Facebook. Lo studente ha deciso di commentare con i suoi amici virtuali la tremenda notizia che viene da Rimini, dove una ragazza polacca è stata stuprata ripetutamente da una banda di magrebini che ha pure picchiato il suo amico. "Lo stupro - scrive Lee - è un atto peggio ma solo all'inizio, una volta si entra il pisello poi la donna diventa calma e si gode come un rapporto sessuale normale".

Interpellata dal Qn, la cooperatva Lai-Momo (che nel 2016 ha registrato un utile di esercizio pari a 883.992 euro grazie alla gestione dei migranti) dice di dover verificare se Jee è davvero un loro collaboratore come afferma su Fb, intanto però si smarca da quanto affermato dal giovane: "Qualora fosse un nostro dipendente - dice la coop - è ovvio che noi riteniamo gravissime, assolutamente, le dichiarazioni che lui ha postato. Qualora fosse un nostro dipendente e domani verificassimo la corrispondenza eventuale con la cooperativa, prenderemo tutti i provvedimenti possibili. Se fosse davvero un nostro dipendente riterremmo incompatibile ogni forma di collaborazione".

Duro anche il commento di Lucia Borgonzoni, consigliera comunale della Lega Nord e candidata sindaco del centrodestra alle ultime amministrative: "È una frase di una gravità inaudita e il fatto che a questo ragazzo sembri normale scriverlo mi preoccupa e non poco, per questo farò segnalazione in questura. Un'altra utente mi ha detto di averlo subito segnalato agli amministratori di Facebook. Se poi davvero lavorasse per la Cooperativa Lai-momo, auspico che venga allontanato immediatamente. Farò una serie di interrogazioni, sulla scelta e controllo dei mediatori culturali in città". La Borgonzoni si dice pronta a denunciare il giovane.

sabato 26 agosto 2017

Il governo degli abusivi...

Questo criminale governo, peraltro abusivo, ha sempre predicato la legalità (ma predicare e razzolare male vanno di pari passo), poi, di colpo, scopriamo che l'illegale è un poliziotto che si lascia scappare una frase violenta perchè si sente aggredito e lascia tutto nella più totale illegalità perchè, guardacaso, durante un certo sgombero, ci sono telecamente e ong... inoltre, in quello stabile, pare che subaffittassero ad altri immigrati (legali o illegali?)

Da facebook di Giorgia Meloni (ad un paio di giorni dai fatti di roma)

Il Governo Pd sospende tutti gli sgomberi delle occupazioni abusive perché prima di intervenire “servono soluzioni abitative alternative”. Tradotto: se occupi illegalmente lo Stato ti garantisce una casa; se invece rispetti la legge puoi continuare a dormire sotto i ponti. La sinistra al governo si arrende ancora una volta alla mafia delle occupazioni abusive e lascia le nostre città in balia di zone franche, prepotenti e illegalità diffusa. La posizione di Fratelli d'Italia è opposta: se hai diritto a una casa popolare, ti metti in fila come tutti gli altri e aspetti il tuo turno; se occupi illegalmente, ti sgombero con la forza e ti sbatto in galera e, se sei straniero, ti caccio dall'Italia. Perché la legge e le regole servono a difendere i più deboli, gli anziani, le famiglie, i disabili che non si metteranno mai a occupare illegalmente e a fare gli scontri con la Polizia.

giovedì 24 agosto 2017

Buon compleanno, terremoto!

Non so chi, ha deciso che oggi sarà adottato il silenzio. Per commemorare le vittime del terremoto di un anno fa. Oggi ci sarà l'ennesima passerella in spregio a chi è voluto rimanere e a chi non vuole mollare, fossi in chi è rimasto, prenderei le macerie e le tirerei addosso all'ennesimo idiotal politico di passaggio. Si, c'è chi ci crede ancora a quel "non vi lasceremo soli", per buona fede, ma la verità, e l'italia l'ha visto, è che soli siamo sempre stati fin dall'inizio. Fin da quella notte di un anno fa. TUTTI siamo rimasti soli. Chi ad agosto e chi ad ottobre. Quindi, non rompete i coglioni coi vostri silenzi di merda. Gli unici a non parlare, dovreste essere voi politici incapaci.
Questa è una foto di ieri, hanno posto dei pannelli per il passaggio dei politici

I cittadini che sono rimasti, non dovrebbero starsene in silenzio, dovrebbero urlare a squarciagola, dovrebbero coprire i politici di insulti, altro che silenzio rispettoso e commemorativo. Urlare magari, non servirà, come non è servita la pazienza fino ad oggi ma... grida di rabbia e di dolore, possono essere una via di sfogo comunque. 

24 agosto 2016-24 agosto 2017. Buon compleanno alle macerie mai rimosse, buon compleanno ai buoni propositi rimasti tali, buon compleanno alla burocrazia ottusa, buon compleanno alle chiacchiere dei talk show, buon compleanno ai ritardi cronici, buon compleanno alle casette mai consegnate, buon compleanno alle promesse mai mantenute, buon compleanno ai “non vi lasceremo mai soli”, buon compleanno alle passerelle dei poltici rigorosamente con le telecamere appresso. Buon compleanno alle lezioni che non insegnano mai nulla a questo Paese! Ma soprattutto un grande, sincero, commosso abbraccio a chi ha sofferto, sta soffrendo e soffrirà ancora. A chi è diventato un eroe, ma non lo voleva diventare. A chi si è veramente rimboccato le maniche con o senza divisa. A chi ha perduto tutto, ma non la dignità. A chi ha il diritto di continuare a sperare nel domani. A proposito: pare che fra meno di quattro mesi verrà nuovamente l'inverno.

martedì 22 agosto 2017

Papa Boldrini e Madonna Bergoglio

Che non avesse un briciolo di cervello, lo avevamo capito, che fosse un sinistro talebano e non fosse un vero credente, lo abbiamo capito poco dopo la sua elezione. E forse, è stato eletto proprio per distruggere ciò che restava della vera chiesa... ma ora, ha passato ogni limite di decenza. Si tolga quella veste, non la merita. Vuole fare politica? Faccia pure ma si tolga quegli abiti che non gli sono mai appartenuti. Perchè davvero, a me personalmente, ha fatto schifo fin dall'inizio ma perchè vuole distruggere anche la fede?


domenica 20 agosto 2017

Su Barcellona

"Non ci faremo prendere dalla paura, le nostre vite continueranno comunque". La Incontrada (in un tweet) dice che le sue lacrime grondano sangue (che cazzo significa?), Madonna è andata in chiesa in puglia (dove stava in vacanza) a pregare... La Lucarelli in un post delirio dice che la colpa è nostra... Oggi, nella Sagrada Familia si prega per la pace... Gentiloni vuole accelerare sullo ius soli, secondo lui, è la soluzione di tutti i mali. Minniti invece si chiedeva come mai quel furgone fosse passato sulla rambla... io mi chiedo se c'è mai stato Minniti sulle ramblas... Il problema non è solo la classe dirigente italiana, il problema sono tutte le classi dirigenti dell'europa. Avrei tante altre da dirne ma da facebook, estraggo due immagini piuttosto eloquenti.

No, ma il tweet migliore, ripensandoci è quello del sottosegretario allo sviluppo economico dei governi Fonzarelli e sto sveglio Gentiloni... Cioè, poi fanno le vittime perchè vengono insultati? Gli insulti se li cercano con il lanternino... Ma daltronde, quelli del PD, non sono poi così intelligenti come credono.


domenica 13 agosto 2017

Sulle ong...

... e la difesa (di troppi) a spada tratta. Enrico Mentana si incazza e lancia anatemi a chi la pensa diversamente. Lancerà anatemi anche contro quella coraggiosa magistratura che sta tirando fuori le peggio cose delle ong?

Scrive Enrico Mentana

Una delle grandi menzogne interessate messe in giro contro le Ong, la più vergognosa, si riassume in tre parole "Lucrano sui migranti". Chi vive di capacità e imbrogli, di furbizie e gherminelle non concepisce del resto che si possa aiutare, assistere, salvare, fare volontariato senza scopi inconfessabili. Solo che le Ong devono essere per statuto trasparenti, e i loro bilanci pubblicati. L'altra menzogna velenosa è quella sulle indennità di missione: "Ho letto/sentito/saputo che sulle navi guadagnano 10mila euro al mese, comodo fare soccorso così!". Allora, facciamo da oggi un po' di pulizia e di informazione. Prendiamo i dati dell'organizzazione più prestigiosa e più presa di mira, Medici senza frontiere. Un operatore umanitario di Msf alla prima missione prende in media 1.700 euro lordi al mese, pari a circa 1.200 euro netti. La cifra aumenta a seconda dell'esperienza e della responsabilità della posizione. Per esempio un capo progetto con più esperienza può prendere in media 2.600 euro lordi al mese, pari a circa 1.700-1.800 euro netti. Msf spende in mare circa l’1% del budget che utilizza per tutti i progetti nel mondo (il resto “a casa loro” in circa 70 paesi – e oltre il 56% in Africa). In totale nel 2016 Medici senza frontiere ha speso per le attività di ricerca e soccorso circa 10,4 milioni nel Mediterraneo. E non ci guadagna, né potrebbe farlo: non ha scopo di lucro, e vive sui contributi di chi aiuta. Per questo gli attacchi sono canaglieschi: in Italia il 100% dei fondi raccolti deriva da donazioni private, a livello internazionale oltre il 96% deriva da donazioni private. L’anno scorso Medici senza frontiere ha rinunciato anche a un piccolo residuo di fondi europei per mostrare la sua distanza dalle politiche UE sulla migrazione. Quindi Medici senza frontiere vive e opera solo grazie all’aiuto dei privati (in Italia 94% cittadini, 6% fondazioni e aziende selezionate). Chi denigra sa di sabotare questa linea di finanziamento spontaneo e disinteressato: aggettivi per loro intollerabili.

E nel mentre, madonna Boldrini è in vacanza sulla spiaggia di Napolitano a spese nostre, si incazza pure lei e scrive questo post, dopodichè, pensa bene di scrivere una letterina al direttore di Repubblica, qui il suo anatema. Niente, sti imbecilli pd non riescono proprio a porsele un paio di domande, una, ad esempio: "come mai fino a qualche anno fa, le ong ad operare nel mediterraneo si contavano sulle dita di una mano (e non dettavano legge e forse non trattavano nemmeno coi trafficanti di carne umana), e da qualche anno a questa parte si sono quintuplicate lavorando ben oltre la legge consentita?"

Non si spara sulla Croce Rossa, non si colpiscono i soccorritori che intervengono in situazioni di pericolo. E’ un principio sempre rispettato da tutte le parti in causa. Ma l'ammirazione di cui hanno sempre goduto coloro che cercano di salvare vite e alleviare sofferenze sembra non valere più per le Ong impegnate nel Mediterraneo, oggetto di una pesantissima, indiscriminata campagna di denigrazione. Salvando decine di migliaia di vite umane, le Ong hanno svolto e svolgono un'azione preziosa. Per questo meritano la nostra gratitudine. Se qualcuna ha violato le leggi è giusto che i singoli responsabili vengano sanzionati. Ma è inaccettabile criminalizzare un intero gruppo sociale. Questo vuol dire che dobbiamo accogliere tutti quelli che arrivano sulle nostre coste? No. Il flusso va gestito. Chi ha diritto alla protezione deve essere accolto. Chi non ne ha diritto deve essere rimpatriato, come prevedono le norme vigenti. Ma la gestione non puó essere basata sull'indebolimento del soccorso in mare. Di fronte a chi rischia di annegare nel Mediterraneo, il primo dovere è tendere la mano e salvare vite.

giovedì 10 agosto 2017

Su Marcinelle e l'immigrazione selvaggia

 Dal facebook di Barbara Bianchi

Fanno schifo, quando l'Italia se ne libererà sarà un gran giorno per tutti  di Ornella Mariani
SI VERGOGNINO
Se fosse vissuto in Italia, William Makepeace Thackeray avrebbe intitolato Mediocrity Fair quell’opera deputata a raccontare i vizi e la decadenza di una società ipocrita e corrotta fin dalle sue fondamenta. Protagonisti ne sarebbero stati
Mattarella: triste versione del Travet pavido, ambiguo, menagramo e colpevole di avere accreditato un gruppo di Impostori, vestendo egli stesso i panni dell’Abusivo.
Boldrini: stucchevole Becky Sharp, patologicamente smaniosa di guadagnarsi un posto al sole ma confinata all’ultimo posto nella graduatoria del gradimento nazionale.
Alfano: nepotista e squallido transfuga per mestiere.
Sullo sfondo, una Corte dei Miracoli: Guitti; Cortigiane; Nani; Puttane e Giocolieri responsabili della deriva di un’Italia derisa, isolata e relegata al ruolo di cloaca dell’Africa islamica. Nullità la cui volgarità non conosce più limiti fra ignoranza e malafede. Con strafottente impudenza ieri hanno celebrato l’anniversario della tragedia di Marcinelle, assimilando i nostri Emigranti alla feccia definita “Risorse”; seguitando a ribaltare il termine clandestino nel termine “Rifugiato”; insultando la memoria dei nostri Morti, non paghi di insultare noi vivi, giorno per giorno a colpi di scandali e abusi.
8 agosto 1956
262 Minatori finirono atrocemente arsi dai carboni di Bois du Cazier.
136 erano ITALIANI.
Il più giovane aveva solo quattordici anni. Il più anziano aveva solo cinquantaquattro anni. Erano Uomini che lavoravano dieci ore al giorno a mille metri di profondità e difendevano la propria dignità da ogni sorta di discriminazione, di umiliazione, di emarginazione: non ciondolavano parassitariamente da un bar all’altro; non depositavano merda nei centri cittadini; non aggredivano a colpi di pietre e di sputi la Polizia dei Paesi ospitanti; non dormivano nei quattro stelle, esigendo di essere dotati di I-phone, sigarette e denari; non sputavano nei piatti nei quali mangiavano; non rubavano; non stupravano. LAVORAVANO. Paragonarli alla gentaglia che viene in Italia per solo impunemente delinquere e sostenere che “Marcinelle ci ricorda quando i migranti eravamo noi” è IMMORALE e SPREGEVOLE. Se ne vergogni Mattarella, che si è posto alla testa di una banda di Avventurieri senza scrupoli. Se ne vergogni la Boldrini, che è una provocatrice priva di competenza; di tatto; di stile; di rigore intellettuale e financo di quell'avvenenza “utile” a molte sue colleghe. Se ne vergogni il trasformista Alfano, che ha intasato anche le fogne del nostro Paese per un pugno di voti di scambio e altro...
Così come devono vergognarsi:
la Mogherini, ingombrante emblema della più ottusa e proterva mediocrità antisemita: sempre in posa estaticamente beota accanto al Rohani o all’Abu Mazen di turno;
Gentiloni, grottesca macchietta il cui duplice ciuffo non riesce a coprire l’assenza di contenuti e l’attitudine al servilismo.
La Fedeli, improbabile Ministro dell'istruzione che non ha sospeso la preside Maria Vittoria Amantea, animata da delirio filoislamico nel perseguitare il Professore Pietro Marinelli la cui opinione sull'Islam è sempre più diffusa e condivisa.
Gli Accattoni Italiani, buonisti della mazzetta ed autori dei cartelli antiitaliani di protesta agitati dalla gentaglia da noi mantenuta.
Bergoglio, infine, paladino di un’accoglienza tesa a proteggere la bestialità barbara e ottusa degli Islamici e sordo anche alle urla dei cinquanta cattolici assassinati in una chiesa della Nigeria. Si vergognino questi Piccioni convinti di essere aquile. Si vergognino almeno la metà di quanto noi ci vergogniamo di loro.

martedì 8 agosto 2017

Eugenio Scalfari, il meticciato e il piano Kalergi

Poi uno si domanda perchè ste bestie siano purtroppo ancora vive... bisognerebbe appenderle a testa in giù, in pubblica piazza e senza uno straccio di processo. Non sarebbe l'unico perchè la lista è lunga: Boldrini, Gentiloni, Fonzarelli, Mattarella... una sola piazza non basterebbe a contenerla e a contenere le forche.


giovedì 27 luglio 2017

Sono nati imbecilli come chi li vota

Questi sono i dirigenti della regione marte... Marche. Li hanno voluti, li hanno eletti. Non serve manco più chiedersi se ci sono o ci fanno. Ci sono nati così. E non possono migliorare. Ignorano che bisogna ricostruire le case (che la gente ha perso), le scuole, le chiese, gli impianti sportivi e ricreativi, i negozi, le stalle... le attività lavorative. Questa sottospecie di essere poco senziente che porta il cognome di Sciapichetti, ignora completamente la realtà e insiste. No, dopo il casino fatto, non userà i soldi degli sms ma, userà i fondi europei anche questi, ad uso della ricostruzione. NESSUNO dice di non fare la ciclabile. Ma TUTTI dicono che la ciclabile non è una priorità. Poi, come cazzo si fa, dico io, a non insultarli, maledirli e maledire anche chi li ha votati! Spiegatemelo. Vi prego.


L'assessore regionale Angelo Sciapichetti torna a parlare, in un'intervista esclusiva rilasciata al settimanale "L'Appennino camerte", della pista ciclabile Civitanova Marche – Sarnano sulla quale si sono scatenate discussioni e prese di posizione dopo che la Regione aveva deciso di finanziare l'opera con i fondi degli sms solidali. "L'idea che c'è alla base di questo progetto – spiega Scaipichetti – non è così malsana come è stata definita nei giorni scorsi da molte persone che, magari giustamente, hanno pensato che i fondi degli sms solidali potessero essere destinati ad altro... Considerato, quindi, che tutte queste opere hanno canali di finanziamento autonomi, abbiamo pensato, seguendo le indicazioni che venivano date dai comuni interessati, a questa pista ciclabile. D'altro canto in tutti i convegni che vengono fatti sulla ricostruzione emerge che uno dei motori di sviluppo per il futuro di quel territorio è l'investimento sul turismo.... Resta, comunque, fermo che il progetto della ciclovia, pur se finanziata non più con i proventi degli sms solidali, ma con i fondi europei andrà avanti perchè riteniamo che sia una delle infrastrutture da realizzare per la vallata del Fiastra". Un tema che, comunque, resta ancora caldo con il timore che il vespaio sollevato possa condizionare in futuro anche la solidarietà e la generosità degli italiani. "Purtroppo – continua Sciapichetti – viviamo nell'era della comunicazione veloce e dei social che per molti costituiscono la principale fonte di informazione. Se, però, ragioniamo a mente fredda e diamo spiegazioni circa le motivazioni delle scelte che vengono fatte le stesse dimostrano di avere una loro logica, che può anche non essere condivisibile, ma che non giustifica gli attacchi che ci sono stati rivolti.... D'altro canto proprio in questi giorni celebriamo l'anniversario dell'inaugurazione del tratto della superstrada 77 Valdichienti Muccia – Foligno. E proprio questa è la dimostrazione che quando si investe nelle infrastrutture il territorio ne usufruisce positivamente"...

mercoledì 26 luglio 2017

I negrieri si sono ribellati...

La rivolta degli scafisti di Marco Cedolin

Neppure il nuovo codice di condotta pesantemente annacquato e recentemente stemperato in tutti i suoi punti più salienti, per compiacere la galassia delle associazioni nazionali ed internazionali che sulla tratta dei migranti costruiscono il proprio reddito, sembra soddisfare lo smodato appetito delle ONG. Oggi in una riunione a porte chiuse, durata quasi due ore, tra le organizzazioni non governative impegnate nelle operazioni di ricerca... e soccorso nel Mediterraneo e i funzionari del ministero dell’Interno, le ONG interessate hanno infatti contestato con veemenza quanto non imposto, ma semplicemente proposto nel nuovo codice.

Un codice a detta loro “contro le leggi marittime in molti punti e non aderente alla convenzione di Ginevra” secondo le parole di Sandra Hammamy, della ong Sea Watch.

Al centro delle rimostranze il fatto che proprio le ONG vengano chiamate in causa, nonostante si considerino "l'ultima parte dell'intera catena", un'ultima parte però sempre un po' troppo vicina alle coste della Libia per essere considerata tale, ci sentiamo di aggiungere. Altra contestazione riguarda il fatto che alle ONG venga imputata la responsabilità di condurre i migranti sempre e solo nei porti italiani e non ad esempio a Malta in Spagna o in Germania, dal momento che a detta loro non si tratta di una scelta personale ma di una decisione del "Centro di coordinamento marittimo della Guardia costiera". Ed a questo proposito proprio lo Stato italiano (nel caso ancora ne esista uno) dovrebbe fare un minimo di chiarezza e prendersi, qualora ci siano, le proprie responsabilità.

Medici Senza Frontiere ha confermato, in una nota “la propria volontà di partecipare alla discussione con un approccio aperto e costruttivo”, ma altre informazioni sugli esiti dell'incontro non sembrano essere al momento disponibili, sia per la scelta di svolgerlo a porte chiuse, sia perché le ONG si sono rifiutate di parlare con i giornalisti, limitandosi a definirlo un incontro interlocutorio. In ogni caso venerdì prossimo si replica, probabilmente sempre a porte chiuse, perché i panni sporchi è sempre bene lavarli in famiglia, lontani da occhi e orecchie indiscreti.

giovedì 20 luglio 2017

Su certe scarcerazioni...


Milano, 19 luglio 2017 - È stato scarcerato con obbligo di firma S.M.D., il 31enne della Guinea che due giorni fa ha aggredito con un coltello un poliziotto all'esterno della Stazione Centrale, mentre con altri agenti tentava di bloccarlo. Lo ha deciso il gip di Milano Maria Vicidomini.  Il 31enne è stato ora preso in carico dall'ufficio Immigrazione della Questura di Milano che si occuperà di lui perché è irregolare sul territorio italiano. Gli scenari possibili sono una sua collocazione in Cpr (Centro di permanenza per il rimpatrio) o un'eventuale espulsione sulla base di un provvedimento che pende sul suo capo da diverso tempo e mai eseguito.

Il pm di Milano Paola Pirotta aveva chiesto la convalida dell'arresto e la misura cautelare in carcere per tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale per lui.  Il giudice, da quanto si è saputo, dopo l'interrogatorio di oggi ha sì convalidato l'arresto ma non ha accolto la richiesta di custodia in carcere per Diallo, difeso dal legale Nicoletta Collalto (l'uomo era stato portato a San Vittore dopo l'arresto) e ha applicato come misura cautelare l'obbligo di firma. Da quanto si saputo, infatti, il giudice non ha riconosciuto la contestazione di tentato omicidio, che avrebbe giustificato la misura in carcere, ma ha confermato solo l'imputazione di resistenza a pubblico ufficiale, mentre per quella di minacce l'uomo era già indagato a piede libero. Per il giudice, infatti, "si ha ragione di ritenere che per le tre contestazioni la pena finale dopo un eventuale processo non sarà superiore ai due anni e dunque l'uomo potrà godere della sospensione condizionale". Quindi, secondo il giudice, non si può applicare la custodia preventiva in carcere. Inoltre, il gip fa notare anche che l'uomo ha solo precedenti "dattiloscopici", ossia identificazioni, segnalazioni, denunce, e non precedenti penali con sentenza definitiva.

L'accusa di minacce, in particolare, si riferisce al fatto che l'uomo, con diversi precedenti penali, prima di essere fermato, aveva inveito mostrando il coltello agli autisti di un bus nella zona della stazione Centrale. Nessun fascicolo, invece, è stato aperto dopo il fatto con eventuali ipotesi di terrorismo, anche perché la frase "voglio morire per Allah", che l'uomo ha detto mentre veniva portato in Questura, è stata ritenuta da investigatori e inquirenti un'espressione pronunciata da un esagitato con un numerosi precedenti penali. Anche nell'interrogatorio davanti al gip è apparso molto confuso.

giovedì 13 luglio 2017

Sms solidali e piste ciclabili

Vi racconto, anzi, vi faccio raccontare una storia che disgusta e che disturba. Una storia di sms solidali e di inutili piste ciclabili. La racconta (e non solo) genziana project nel suo facebook (se volete, potete iscrivervi in modo da avere notizie in tempo reale). Io ve la riporto copiandola e incollandola qui. Non servono commenti... eppure, c'è un lieto fine, sperando che dietro non ci sia un maledetto trucco.

Ci provano davvero. Non che non lo sospettassimo. Del resto avevamo denunciato questo piano diabolico nei giorni scorsi. Ma l’ulteriore conferma arrivata da poche ore segna un nuovo vergognoso atto delle istituzioni, in questo caso la Regione Marche, a danno dei terremotati. Parliamo ancora dei fondi raccolti con gli Sms solidali, quelli donati attraverso il numero 45500. Alle Marche spettano 17,5 milioni di euro dei 31 milioni complessivi. E di questi ben 5,5 milioni andranno, ora è ufficiale, alla pista ciclabile che dall’Abbadia di Fiastra arriverà a Sarnano. Questa è la proposta, assurda e inconcepibile, che la Regione inoltrerà alla commissione dei garanti, istituita a livello nazionale per vigilare sul corretto utilizzo dei fondi. Fondi che, come detto, verranno spesi principalmente per la prima parte della pista ciclabile ad anello Civitanova-Sarnano: per la precisione 5 milioni e 450 mila euro.

Gli altri interventi proposti sono poi il recupero della grotta sudatoria di Acquasanta Terme (3 milioni), l’ammodernamento della Valdaso (5 milioni), la realizzazione di 7 elisuperfici attrezzate per il volo notturno ad Acquasanta Terme, Montegallo, Montemonaco, Comunanza, Visso, Montegiorgio e Fiastra (1 milione e mezzo). Poi l’adeguamento sismico e funzionale della scuola “Giuseppe Rizzi” di Montegallo (250mila euro), la nuova area per le attività economiche nello spazio dell’ex Park Hotel a Visso (2 milioni), la nuova scuola di Pieve Torina (250mila euro). Le proposte, nonostante l’opposizione di alcuni sindaci o loro delegati, sono passate a maggioranza.

E così, a meno di uno stop imposto dal comitato nazionale dei garanti, si proseguirà nel prendere in giro le popolazioni terremotate e la generosità degli italiani che tutto pensavano tranne di finanziare, in un momento in cui ancora si lavorava per estrarre le persone dalle macerie, un percorso per turisti amanti delle due ruote. Le tantissime persone che, nelle ore successive alle scosse del 24 agosto scorso, non si sono tirate indietro, ne siamo sicuri, avevano in mente altri obiettivi. Credevano, giustamente, che quanto da loro offerto andasse ad alleviare, almeno un po', le difficoltà di chi nel sisma aveva perso tutto. Perché se da un lato è vero che tutti i fondi raccolti con gli Sms solidali, non devono essere utilizzati in emergenza dall’altro la loro finalità è stata chiaramente spiegata e ribadita più volte: «queste somme servono a finanziare gli interventi di ricostruzione nei territori». Lo diciamo perché, mentre osservavamo da vicino lo sforzo degli eroici soccorritori e facevamo il nostro lavoro di fotografi, siamo stati noi stessi ad invitare amici e parenti a mandare questi messaggi. Lo abbiamo fatto credendo di essere utili. Di aiutare. Poi, come in un brutto film, è arrivata la Regione Marche. Ora provate voi a spiegarci, perché noi veramente non ce la facciamo, cosa abbia a che fare una pista ciclabile con il terremoto e la ricostruzione. Spiegatecelo bene, cercate di convincerci. Oppure fate la sola cosa sensata: vergognatevi!
#genzianproject

Dopo l'indignazione, è stata lanciata una petizione, sono stati fatti appelli e un bel pò di casino, oggi, forse, il lieto fine.

Quelli della Regione Marche e di tutta la banda della ciclabile si sono arresi. Arresi all’evidenza di aver messo in cantiere un gesto scandaloso. Così hanno fatto un passo indietro. Ammettendo da un lato il loro cattivo gusto, la loro scarsa sensibilità e dando, dall’altro, piena ragione alle proteste dei terremotati. In pratica ci hanno provato, ma questa volta gli è andata male. Risultato: niente più pista ciclabile con i fondi degli sms solidali, quei 5,5 milioni, parte delle donazioni degli italiani, saranno usati per le scuole e il recupero del municipio di Arquata del Tronto. Lo si legge in una nota ufficiale della Regione diffusa nel tardo pomeriggio. Così dopo le polemiche e lo scandalo scoppiati in merito alla destinazione dei fondi raccolti con gli sms solidali il governatore Luca Ceriscioli ha deciso di cambiare la destinazione del denaro. «Il gesto della donazione è una scelta preziosa e importante che la politica e le istituzioni hanno il dovere di preservare. Per questo la cabina di coordinamento per evitare ogni polemica o dubbio sull'utilizzo di questi fondi ha deciso di finanziare la ciclovia con le risorse strutturali europee. I 5 milioni - afferma il Governatore - verranno utilizzati per le scuole e il recupero del municipio di Arquata del Tronto come simbolo del ricordo, della ricostruzione e della rinascita dal terremoto». Un primo passo, insomma, è stato compiuto anche se la strada è ancora lunga. Un esempio? I 3 milioni per il recupero della grotta sudatoria di Acquasanta Terme, chiusa da oltre 20 anni. Trattasi quindi di progetto che non ha nulla a che fare con il terremoto, visto che era fuori uso da ben prima delle scosse, e che non si può certo definire un obiettivo primario. Ecco perchè ci aspettiamo una marcia indietro anche in questo caso. Il prima possibile. #genzianaproject