venerdì 13 luglio 2018

L'abominevole alcolizzato della Ue

I debunkers dicono che questo tizio non era sbronzo. Aveva solo problemi di sciatica. Ma quello che più mi fa rabbrividire è che tutti vedono il suo stato pietoso ma fanno finta che sia tutto normale.

venerdì 6 luglio 2018

Tutti contro Salvini

Sherif El Sebaie scrive sul suo facebook: "Salvini ha spostato 42 milioni da "accoglienza" a rimpatri. I giornali ostili si stanno stracciando le vesti: "stretta brutale di Salvini". Di quale accoglienza parlano costoro, se proprio l'altro giorno il "richiedente asilo" che ha salvato una cassiera da un rapinatore a Torino era uno che stazionava li davanti chiedendo l'elemosina? Salvini dovrebbe tagliare almeno 100 milioni al business della finta accoglienza che ingrassa le cooperative dei mafiosi. E con quei soldi finanziare voli charter di sola andata. Si badi bene infatti: i giornali strepitano parlando di "stretta brutale" ma in realtà i 42 milioni vanno a "rimpatri volontari". Cioè rimpatri che prevedono "anche un sussidio di reintegrazione". Poi ti dicono che Salvini è fascista. Se lui è fascista, allora io sono Mussolini reincarnato".

Invece, i geni della rivista Rolling Stone italia, fanno questa copertina fantasmagorica contro. Dentro la rivista c'è la lista dei nomi contro Salvini e, tra questi, c'è anche il nome di Enrico Mentana che dal suo facebook smentisce. Invece, la Lucarelli (che non mi piace) ci racconta come è la rivista vissuta da dentro...


 Manco se Salvini fosse Arzog l'orco pallido di Gundabad...

mercoledì 27 giugno 2018

Due o tre cose...

La francia non vuole clandestini, Malta non vuole clandestini, l'olanda e la germania non vogliono clandestini ma gli xenofobi razzisti siamo noi italiani che non ne possiamo più di vedere gente che delinque, spaccia, stupra e occupa intere città portandole al degrado.

Ipocrisia e massoneria...



Due cose sull'incontro massonico Bergoglio-Macron qui e qui. Poi, Alessia Morani esulta per la "vittoria" di Ancona (già rossa da tempo immemore così come i coglioni anconetani che hanno rivotato PD)


e poco dopo esulta anche per la "vittoria" di Porto Sant'Elpidio, anch'essa rossa da un bel pò di tempo. Farsi una domanda perchè è stata una debacle in toscana e in emilia, quando mai!

lunedì 25 giugno 2018

24 giugno 2018

E niente, ennesima sconfitta della sinistra alle elezioni di ieri. Il pd perde, in ordine sparso: Siena, Massa, Pisa, Terni e Imola. Ancona resta coglionamente rossa... ma fa niente. Va già bene così. 

martedì 19 giugno 2018

Sul censimento

Che poi, si schieri contro il censimento dei rom pure la comunità ebraica italiana paventando le leggi razziali, è da ridere proprio. Primo, perché la comunità ebraica non accetta alcun estraneo, secondo, perché non si è mai schierata a favore degli italiani indigenti. Terzo, perché un censimento per chi calpesta il suolo italiano, è giusto e doveroso. Tuttavia, meglio l’illegalità dei rom e clandestini che il rispetto delle leggi italiane?

Ah, riguardo i censimenti non fascisti, fatti di nascosto e dimenticati da tutti: QUI e anche QUI. La comunità ebraica non ha fatto un fiato come daltronde tutti gli antifascisti, gli intellettuali e i radical chic italici.

martedì 5 giugno 2018

Non lo capiscono...

Non ci riescono proprio a fare un minimo di autocritica. Non riescono a chiedersi perchè il PD sta perdendo voti ad ogni tornata elettorale. Ognuno è libero di pensarla a modo proprio, ma insultare milioni di elettori credendoli addirittura da rieducare, bhe, mi pare un pò troppo. Sono solo milioni di persone che si stanno illudendo (o forse no) di poter cambiare qualche cosa. Mentre loro insultano una parte importante dell'italia senza rendersi conto di cosa hanno fatto, continuano a perdere voti. Un altro che più di tanto non capisce, è Ceriscioli, presidente della regione marche che, di fatto, ha ignorato i terremotati limitandosi a tagliare nastri in giro per il cratere e basta... Continuate, continuate a non recepire i messaggi...

lunedì 28 maggio 2018

Sul senso della vergogna

"Dopo aver sperimentato nei primi due mesi tutte le possibili soluzioni, si è manifestata una maggioranza parlamentare tra Lega e Cinque Stelle, che pur contrapposti alle elezioni hanno raggiunto una intesa dopo un ampio confronto programmatico. Ne ho agevolato in ogni modo il tentativo di dar vita a un governo, ho atteso tempi da loro richiesti e per farli approvare dalle rispettive basi di militanti, pur consapevole che questo mi avrebbe attirato osservazioni critiche. Ho accolto la proposta per l'incarico del presidente del Consiglio pur superando la perplessità sulla circostanza che un governo politico fosse guidato da un presidente non eletto in Parlamento ed ho accompagnato con piena attenzione il lavoro per formare il governo.  Nessuno può affermare che io abbia ostacolato la formazione del governo che viene chiamato del cambiamento. Al contrario ho accompagnato questo tentativo come del resto mio dovere in presenza di una maggioranza parlamentare nel rispetto delle regole della Costituzione.Avevo fatto presente ai rappresentati dei due partiti e al presidente incaricato, senza riceverne obiezioni, che su alcuni ministeri avrei esercitato una attenzione particolarmente alta sulle scelte da compiere. Questo pomeriggio il professor Conte, che apprezzo e ringrazio, mi ha presentato le sue proposte per i decreti di nomina che come dispone la Costituzione io devo firmare assumendone la responsabilità istituzionale. In questo caso il presidente della Repubblica svolge un ruolo di garanzia che non ha mai subito né può subire limitazioni. Ho accettato tutte le proposte di ministri tranne quella del Ministro per l'Economia. La designazione del ministro dell' Economia costituisce sempre un messaggio immediato di fiducia o di allarme per gli operatori finanziari. Ho chiesto per quel ministero l'indicazione di un autorevole esponente di quella maggioranza, coerente con l'accordo di programma, un esponente che al di là della stima e della considerazione della persona non sia visto come sostenitore di una linea più volte manifestata che potrebbe portare probabilmente o inevitabilmente alla fuoriuscita dell'Italia dall'Euro, cosa ben diversa da una atteggiamento vigoroso nell'Ue per cambiarla in meglio dal punto di vista italiano. A fronte di questa mia sollecitazione ho registrato con rammarico una indisponibilità a ogni altra soluzione e il presidente del Consiglio incaricato ha rimesso il mandato. L'incertezza della posizione italiana nell'Euro ha posto in allarme gli investitori e i risparmiatori, italiani e stranieri che hanno investito nei nostri Titoli di Stato e nelle nostre aziende. L'impennata dello spread, giorno dopo giorno, aumenta il nostro debito pubblico e riduce le possibilità dello Stato per nuovi interventi sociali. Le perdite della Borsa, giorno dopo giorno, bruciano risorse e risparmi delle nostre aziende e di chi vi ha investito, e configurano rischi concreti per i risparmi dei nostri cittadini e della famiglie italiane. Occorre fare attenzione anche al pericolo di forti aumenti degli interessi dei mutui e per i finanziamenti alle aziende. In tanti ricordiamo quando prima dell'Unione monetaria europea, i tassi sui mutui sfioravano il 20%. E' mio dovere nello svolgere il compito di nomina dei ministri che mi affida la Costituzione, essere attento alla tutela dei risparmi degli italiani. In questo modo si riafferma concretamente la sovranità italiana, mentre vanno respinti al mittente inaccettabili e grotteschi giudizi sull'Italia apparsi sulla stampa di un Paese europeo. L'Italia è un Paese fondatore dell'Ue e ne è protagonista. Non faccio le affermazione di stasera a cuor leggero, anche perché ho fatto ogni sforzo possibile per far nascere un governo politico. Nel fare questa affermazioni antepongo a tutto la difesa della Costituzione e dell'interesse della Comunità nazionale. Quella dell'adesione all'Euro è una scelta di importanza fondamentale per le prospettive del nostro Paese e dei nostri giovani. Se si vuole discuterne lo si deve fare apertamente e con un serio approfondimento anche perché è un tema che non è stato in primo piano nella recente campagna elettorale. Sono stato informato della richiesta di forze politiche di andare a elezioni ravvicinate. Si tratta di una decisione che mi riservo di prendere doverosamente sulla base di quello che avverrà in Parlamento. Nelle prossime ore assumerò una iniziativa".

Il presidente della repubblica italiana

sabato 26 maggio 2018

Dal facebook di Fonzarelli...

Come ho avuto modo di dire, non mi piace un governo M5s-Lega ma visto e considerato che tutto il mondo pare contro Salvini e Di Maio, mi auguro che questo governo prenda forma (con Savona ministro dell'economia), cominci a governare e resti al suo posto almeno per 5 anni. Il post sottostante, è del signor fonzarelli in persona, evito di scrivere qualsiasi cosa su di lui perchè gli improperi non mi basterebbero. Il prossimo fine settimana, ci saranno le elezioni in circa 750 comuni, mi auguro che da quei comuni, il Pd sparisse definitivamente dalle liste.

Lo spread sale ai massimi dal 2013. Non pensate che sia una notizia tecnica perché purtroppo riguarda la nostra vita. Dai prossimi giorni - infatti - i mutui per le famiglie costeranno di più, l'accesso al credito per le piccole imprese sarà più difficile e pagheremo di più gli interessi sul debito pubblico. Chi è il colpevole? Non c'è nessun complotto, non guardate Bruxelles, non è colpa dei mercati finanziari. Il responsabile ha sempre un nome, in questo caso due cognomi: Salvini e Di Maio. Se sale lo spread è grazie al teatrino incredibile di questi giorni. Da 84 giorni questi signori stanno prendendo in giro tutti gli italiani, anche quelli che li hanno votati. L'aumento dello spread dipende da ciò che hanno detto e scritto nelle varie bozze del contratto di governo: tagliare 250 miliardi di debito, minibot e altre amenità. Quando proveranno a fare ciò che hanno promesso (Fornero, Flat Tax, reddito di cittadinanza) e scopriranno che non ci sono soldi, allora sì che ne vedremo delle...brutte. Spero che sia chiaro a tutti perché ho insistito tanto perché il PD non facesse l'accordo con nessuno di questi signori. Con noi lo spread è sceso, il PIL è ripartito, i posti di lavoro sono aumentati. Ora che tocca a loro, l'inizio è balbettante. E il conto lo pagheranno gli italiani. Caro Salvini, caro Di Maio: se volete sapere di chi è la colpa dello spread che sale non fate dirette Facebook urlando contro l'Europa: fatevi un selfie. Se aumenta il costo dei mutui, la responsabilità è solo vostra.

giovedì 24 maggio 2018

M5s, Lega e Pd

Non mi piace del tutto la realtà dei 5stelle al governo con la Lega. Non mi piace "la politica" dei 5stelle per motivi che non sto a spiegare. Ma, preferisco di gran lunga il fatto che il Pd sia in declino e, prima ancora che non ci sia un altro governo Pd o un nuovo governo tecnico. A leggere i post su fb degli esponenti Pd, viene fuori tutta la loro rabbia per non essere stati votati. Il post sottostante, è di tal Matteo Orfini che, orfano, porello, delle partite alla playstation con Fonzarelli, sbotta ed inizia a delirare. Cazzo, ridategli la play col nuovo cd di gods of war.  

"Alcune cose sono oggi più chiare. Sta per nascere un governo di estrema destra, composto da forze politiche di estrema destra, con un programma di estrema destra. Con una cultura politica di estrema destra, come dimostrano le fascisteggianti minacce al Quirinale di Alessandro Di Battista. Un governo di estrema destra che nasce grazie ai voti di Berlusconi, perché i parlamentari della Lega che voteranno la fiducia sono stati eletti nei collegi uninominali anche con i voti di Forza Italia. E grazie al via libera di Berlusconi, senza il quale Salvini non si sarebbe seduto al tavolo con Di Maio. Nasce un governo che ha una idea della democrazia diversa da quella che sta scritta nella nostra Costituzione. A proposito, quelli che hanno spiegato per mesi che superare il bicameralismo paritario fosse eversivo cosa pensano oggi del tentativo di introdurre il vincolo di mandato e superare i principi della democrazia rappresentativa? Nasce un governo che taglierà servizi e stato sociale per finanziare misure come la flat tax, che arricchiranno chi ricco già è. Oggi forse apparirà chiaro a tutti quanto sia stato saggio rimanere lontani da ogni ipotesi di accordo con questa roba. L'idea che per evitare la saldatura tra due destre dovessimo mettere i nostri voti a loro disposizione avrebbe prodotto un unico risultato: la scomparsa dell'unica forza che può opporsi a tutto questo. La fine di ogni prospettiva di ricostruzione di un'alternativa. Fare opposizione, in parlamento e nel paese. È questo il nostro ruolo. E questo faremo".

sabato 12 maggio 2018

Niente da aggiungere...


domenica 6 maggio 2018

In ricordo di Pamela

Ricordando che noi comuni mortali, Pamela la ricordiamo e la ricorderemo sempre mentre, le femministe e le istituzioni (che condannano l'uomo bianco e mai l'uomo nero) tacciono su certi efferati delitti o, nel caso del sindaco di Macerata, Carancini (che ha dato il via all'immigrazione selvaggia gestita da onlus alquanto oscure)  ha prima minimizzato e poi s'è presentato al funerale per dovere istituzionale... hanno già dimenticato. Noi no, noi che siamo persone normali, ricorderemo Pamela e siamo vicini alla sua famiglia così come lo è stato Luca Traini che dal carcere ha inviato una corona di fiori. 

Gramellini bacchetta la sinistra in tv: persino Traini ha mandato fiori per Pamela, e voi?

Alessandra Verni e con lei il fratello Marco Valerio, che è anche il legale della famiglia di Pamela Mastropietro, hanno accettato i fiori bianchi di Luca Traini, il pistolero di Macerata che proprio per vendicare la ragazza sparò ai neri in centro seminando panico e terrore in città. Traini non ha dimenticato Pamela e nel giorno dei funerali, dopo oltre 90 giorni dall’atroce delitto, ha fatto arrivare il suo omaggio a Pamela. Imbarazzo? Per niente. La famiglia non ha voglia di polemiche. La mamma Alessandra finalmente avrà un luogo dove recitare una preghiera per la sua povera figlia massacrata, un omicidio dove le negligenze delle istituzioni (l’assassino Oseghale si trovava illegalmente su territorio italiano) sono apparse evidenti. Per questo, ha spiegato ancora lo zio, accettiamo i fiori e le strette di mano di tutti. Anche quelle dei rappresentanti della comunità nigeriana a Roma, presenti ai funerali.  I fiori di Traini? «Ci hanno fatto piacere — dicono i parenti —, è stato un omaggio apprezzato, di vicinanza. Anche perché se avessimo rifiutato la sua corona, allora non avremmo dovuto nemmeno stringere la mano a tutti quei politici che non hanno fatto nulla per evitare la morte di Pamela». I politici presenti ai funerali non erano numerosi: c’erano  Virginia Raggi, e poi Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, Maurizio Gasparri e ancora il neodeputato leghista Tullio Patassini (eletto a Macerata). La sinistra ha lasciato sedie vuote a quei funerali che per quella parte politica rappresentano un evento imbarazzante, da rimuovere. Un evento cui forse nessuno di quella parte si è presentato per evitare fischi e contestazioni. Lo ha rimarcato su Raitre ieri sera, nella rubrica “Le parole della settimana”,  Massimo Gramellini, giornalista non certo ascrivibile alla destra, osservando a proposito dell’omaggio floreale arrivato da Luca Traini, che ancora una volta il centrosinistra non è stato in grado di capire da dove viene il disagio, di comprendere a chi era necessario dare risposte. “Quando non consideri la presenza ai funerali una forma di solidarietà ovvia nei confronti di chi ha perso una figlia in modo tanto brutale – ha detto Gramellini – allora non sei né di destra né di sinistra. Sei semplicemente un posto vuoto in chiesa che qualcun altro occuperà”. Come dire: persino Traini ha fatto meglio di voi…

domenica 29 aprile 2018

Di Maio scrive...

La lettera di Luigi Di Maio al Corriere della Sera

Caro direttore,
se c'è una cosa che possiamo rivendicare con forza è la massima coerenza tra quanto fatto dal giorno dopo il voto e quanto detto in campagna elettorale. Per tre mesi ho girato l'Italia e ho sempre ripetuto che qualora non avessimo ottenuto la maggioranza assoluta avrei proposto ai partiti un contratto vincolante sul programma. Avevo anche ribadito più volte che non avevamo un interlocutore preferito, ma che avremmo parlato con tutti. E' quello che stiamo facendo.

Il prossimo sarà il governo dei cittadini, non dei partiti. Il contratto alla tedesca servirà a mettere nero su bianco le azioni immediate per migliorare la qualità della vita degli italiani per interpretare al massimo lo spirito della terza repubblica. Non si tratta di alleanze. Un'alleanza è uno scambio di poltrone, un do ut des di potere. Non ci interessa. Siamo nati per fare altro. Il MoVimento 5 Stelle è la prima forza politica italiana perché ha identità e valori ben precisi, che difendiamo senza compromessi.

La nostra identità e quello che abbiamo detto agli italiani prima del voto per me sono i punti di partenza. Noi abbiamo sempre difeso il ruolo centrale del Parlamento e porteremo avanti le istanze dei cittadini anche tramite l'introduzione di strumenti di democrazia diretta come i referendum propositivi, le proposte di legge di iniziativa popolare, le consultazioni nell’ambito della realizzazione delle grandi opere. Strumenti in uso in tante democrazie moderne e a beneficiarne non è solo la qualità della democrazia, ma soprattutto la qualità della governance.

Agli 11 milioni di italiani che ci hanno votato abbiamo garantito la continuità dell’Italia nell’Unione europea e monetaria, perché la nostra presenza in quel consesso avrà come obiettivo una profonda modifica dei vincoli di austerità, oltre che dell’impianto della governance economica e istituzionale europea. Dovremo superare il fiscal compact e avviare il percorso di definizione di un’unione fiscale per smantellare il sistema di elusione ed evasione nell’ambito della UE. Questa impostazione è oggi condivisa anche da altre forze politiche, tra cui il PD.

Lo studio del prof. Della Cananea ha individuato i punti in comune tra il nostro programma e il loro e oggi vorrei passare in rassegna i principali e lanciare un appello: realizziamoli per il bene superiore degli italiani! Sono fiducioso perché sulla carta -la carta dei programmi- ci sono tanti punti di convergenza che vanno nella direzione di soddisfare le esigenze dei cittadini, nostro unico interesse. Non ci illudiamo che i programmi elettorali abbiano sempre una valenza, ma adesso è il momento di mettere alla prova la politica affinché dimostri che non si tratta solo di parole, ma di obiettivi concreti che si possono tradurre in fatti, con tempi e procedure concordate. Una delle funzioni del MoVimento 5 Stelle è proprio questa. I programmi per noi valgono nel momento in cui si dimostra di volerli realizzare.

Ad esempio se si parla di Europa si parla di immigrazione. In comune c’è la revisione del Regolamento di Dublino e l’equa ripartizione dei migranti tra tutti i Paesi dell’Unione Europea. Per gestire i flussi migratori serve anche investire in sicurezza: c’è la comune volontà di aumentare le risorse per la cyber security e l’assunzione immediata di 10.000 nuovi agenti nelle forze dell’ordine. Assumiamoli!

Lotta alla povertà. I fondi del REI non sono sufficienti e le politiche attive del lavoro non funzionano. Il Reddito di Cittadinanza risolverebbe entrambi i problemi, estendendo il beneficio a più famiglie e rendendo effettivo il reinserimento lavorativo grazie alla riforma dei centri per l’impiego. Parliamo anche di pensione di cittadinanza per gli anziani. Non lasciamoli indietro.

Sul lavoro si può partire dal salario minimo orario, obiettivo condiviso anche dal PD, stando al loro programma. Oltre a proteggere il lavoro è urgente crearne di nuovo e di qualità, ad esempio con la banca pubblica di investimento per finanziare a tassi agevolati le piccole e medie imprese italiane. Riteniamo sia necessaria la reintroduzione dell’articolo 18 come “misura ponte”, in attesa di una piena realizzazione del reddito di cittadinanza e della riforma dei centri per l’impiego: una flexicurity alla danese che, a regime, consentirà di superare le rigidità dei contratti di lavoro.

Capitolo tasse. Il MoVimento 5 Stelle prevede una riduzione delle cinque aliquote Irpef oggi in essere, mentre loro ipotizzano una detrazione per i figli a carico; per le imprese il MoVimento 5 Stelle preferisce dimezzare l’Irap; dall'altra parte si parla di un’ulteriore riduzione dell’aliquota Ires. Il fine è lo stesso, un’intesa si può trovare.

Sanità pubblica. A quanto risulta dal programma, il Pd scrive nero su bianco di voler ridurre le ormai lunghissime liste di attesa. Siamo d’accordo, ma occorre un serio incremento del Fondo Sanitario Nazionale e un piano di assunzioni per infermieri e medici.

In tema di giustizia, entrambi vogliamo semplificare e ridurre i tempi dei processi attraverso l’applicazione del rito del lavoro e investendo nella digitalizzazione anche in ambito penale. Facciamolo! C’è la lotta alla mafia e alla corruzione: loro prevedono meccanismi di prevenzione per l’infiltrazione mafiosa nelle istituzioni. Per noi si può realizzare una riforma complessiva dell’ordinamento penitenziario e con la modifica del 416ter. Senza dimenticare l’estensione dell’agente sotto copertura per i reati di corruzione, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici per i condannati in via definitiva e una modifica sostanziale della prescrizione. Un capitolo a parte riguarda la legge sul conflitto di interessi che il Paese aspetta da troppi anni.

Infine i costi della politica e l’efficienza della Pa. I tagli agli sprechi sono un nostro storico cavallo di battaglia, e il programma del Partito Democratico prevede il ricalcolo dei vitalizi col metodo contributivo, un tetto agli stipendi dei manager pubblici e la trasformazione delle costose e inutili auto blu in auto elettriche e sostenibili. Meno sprechi significa anche Pa digitale e lotta alla burocrazia per semplificare la vita a cittadini e imprese.

Questa è la strada che stiamo seguendo e gli obbiettivi che vogliamo raggiungere. Se si può fare qualcosa di buono per l'Italia e mettere finalmente i cittadini al primo posto, noi ci siamo, perché il MoVimento 5 Stelle è nato per fare gli interessi degli italiani, oltre gli steccati ideologici e oltre le vecchie logiche di potere. E di questo sono orgoglioso. Allo stesso modo, siamo fieri del fatto che l'eventuale contratto a cui perverremo verrà sottoposto alla votazione dei nostri iscritti online sulla piattaforma Rousseau.

sabato 28 aprile 2018

Il commissario De Micheli

IL CAPOLAVORO DEL COMMISSARIO DE MICHELI
Comunicato integrale

Quando nell’apparentemente lontano 9 settembre 2017 il Consiglio dei ministri nominò Paola De Micheli commissario straordinario alla ricostruzione le sue prime dichiarazioni furono: “E' un incarico importante e gravoso, lo affronterò con umiltà e determinazione" - “opererò non solo per la ricostruzione materiale delle zone colpite dal sisma, ma anche per la rinascita civile e sociale delle comunità" (fonte Ansa).
 

“RINASCITA CIVILE E SOCIALE DELLE COMUNITA' “

Non sapevamo cosa intendesse con queste parole, ma da umili terremotati, pensavamo avesse buone intenzioni e comunque, tutto sembrava fuorché, la volontà di trovare scuse ed espedienti per aggredire, proibire e addirittura denunciare penalmente quelle popolazioni già duramente colpite dal terremoto! Un Commissario straordinario (straordinario di che ed in che cosa poi...) dovrebbe, a nostro avviso, prendere a cuore le esigenze delle persone sfortunate delle quali dovrebbe occuparsi e mettere in piedi tutte le misure possibili affinché questo stato negativo,inaccettabile e deprimente delle cose, cambi in maniera repentina e radicale.

Così non è stato, anzi, nei pochi mesi in cui lei stessa è stata operativa, si ricordano gli innumerevoli tagli di nastro di Sae incomplete ed inutilizzabili (nessuna delle Sae “consegnate” durante le inaugurazioni fino a dicembre, potevano essere immediatamente abitate dal terremotato di turno!) o di opere finanziate da privati e dove i politici di turno hanno fatto a gara a presentarsi attribuendosi non si capisce quale merito e quale motivazione alla loro stessa presenza, visto che di pubblico ancora non è stato fatto nulla!

Da Dicembre il nostro amato Commissario De Micheli va in giro a raccontare che non può “agire o modificare” nulla di concreto e sostanzioso prima perché il parlamento era “depotenziato" perché il governo stava per dimettersi, poi perché il governo,dimissionario, non avrebbe avuto la forza di modificare alcuna legge, poi perché effettivamente non vi era la possibilità di “legiferare” causa assenza di governo.

Nel frattempo mancano ancora il 35% di Sae, i posti di lavoro perduti sono sulle migliaia di unità, la tutela sanitaria e contrattuale dei lavoratori delle Sae appare una chimera (c’è stato anche uno sciopero), i suicidi e l’incremento dell’uso di ansiolitici tra i terremotati sono purtroppo in costante aumento, la burocrazia blocca, de facto, le approvazioni delle (poche) pratiche presentate e registra un assurdo 16% nelle approvazioni, i villaggi Sae mancano di zone di aggregazione dove le comunità potrebbero confrontarsi e ritrovarsi, non è stata assolutamente istituita una vera zona franca urbana differenziata per danni subiti, gli incentivi ci sono soprattutto da chi viene da fuori e non c’è alcuna priorità alle imprese/ lavoratori colpiti dal terremoto, non è stato fatto assolutamente nulla per dare la possibilità ai non residenti di rientrare ed alimentare quel flusso commerciale indispensabile alle imprese locali non soltanto per il rilancio, ma per il semplice sostentamento delle loro attività, ma ci sono due record del quale questo premuroso Commissario può vantarsi:

1) AVER IMPOSTO IL PAGAMENTO DELLE TASSE A CHI NON È IN GRADO DI PRODURRE CHIEDENDOGLI DI INDEBITARSI CON LE “SOLITE BANCHE” con tanto di lettera ai sindaci

2) AVER CONFEZIONATO UN DECRETO GRAZIE AL QUALE ALMENO 400 TERREMOTATI SONO STATI DENUNCIATI PENALMENTE; DECRETO CHE, ANZICHÉ SALVARE, HA CONDANNATO SENZA APPELLO CHI DA SOLO, CON I PROPRI RISPARMI E SUL PROPRIO TERRENO, SI È COSTRUITO UNA CASETTA DI LEGNO TEMPORANEA PER NON ABBANDONARE LA PROPRIA ATTIVITÀ E/O GOVERNARE LE PROPRIE BESTIE!

Questa sarebbe la rinascita civile e sociale delle comunità? È questo che intendeva caro Commissario?

AVVISO A POLITICI E POLITICANTI:

Il tempo concesso sta per scadere, i terremotati sono stanchi di questo teatrino volto a spartirsi le poltrone! Dovete dare priorità ai problemi che non possono essere rimandati e vanno immediatamente affrontati. Non possiamo aspettare ancora!

Convocheremo i comitati dei cittadini e prenderemo insieme una decisione, ma non staremo di certo ad attendere e subite inermi queste incomprensibili ingiustizie!

Francesco Pastorella
Coordinatore Comitati Terremoto Centro Italia

Macerata, 25 aprile 2018

Ho deciso di copiare un post dal facebook di un gruppo di marchigiani. Il blog in genere, tratta di argomenti simpatici. Stavolta è stato fatto un post molto serio e intelligente.


MUSOLI' E LA PIGNATTA

Diciamo la verità, Macerata stava un po' in ansia. Settimane lontana dalla popolarità, senza titoloni sui giornali, senza televisione, stava in crisi come i reduci del Grande Fratello che dopo un mese vengono ignorati pure dai parenti stretti. Per fortuna che c'è stato il 25 aprile e allora qualcuno ha avuto l'ideona dell'anno. Ma che te ne fai di discorsi, commemorazioni, cortei... sai che coglioni? Molto meglio un bel pupazzo de Musolì a testa in giù come a piazzale Loreto, che fa sempre scena. Va bè, quello tecnicamente accadde il 28 aprile, ma sò dettagli. Non basta? Ma no, serve un colpo di genio. Eccolo: riempiamolo di caramelle, invitiamo i bambini a prenderlo a bastonate. Testa spaccata, pioggia di dolcetti. L'innocente gioco della pignatta in salsa noir. E les jeux sons fait: via titoloni, dibattiti, nipotine inferocite. Un'ottima pensata, non c'è che dire. Siamo nel terzo millennio baby, la gente non ha più voglia di approfondire e non ha tempo per conoscere. Ci vogliono messaggi immediati, smart. Bella l'idea che un bambino possa imparare che la Liberazione sia stata fracassare la testa di un nemico morto. Vieni bimbo, ti insegno a stare al mondo. Che te ne fai dei libri, la storia è uno scontro tra tifoserie. "Fasci appesi" all'angolo rosso, "I treni arrivavano in orario" all'angolo nero. Da che parte stai, piccolo? Prendi un bastone, colpisci, stai dalla parte dei buoni. Imparalo che il coraggio non è quello di chi combatte per le sue idee, ma quello di Maramaldo, che uccide un uomo morto (Maramaldo chi, un giocatore?). E pazienza se non ci si rende conto che questo brillante sfoggio di odio e spregio dell'altro è il nutrimento principale di tutta l'ignoranza e l'intolleranza che si vorrebbero combattere. Pure Sandro Pertini, proprio lui, quello che popola a sproposito migliaia di pagine Facebook con frasi che non ha mai detto, uno che Mussolini lo voleva morto e lo avrebbe ammazzato con le sue mani, disse che "a piazzale Loreto l'insurrezione si è disonorata". Ma che ti frega piccolo, Pertini per te è quel vecchio che giocava a briscola sull'aereo con la Coppa del mondo sul tavolo e che voleva cacciare i governanti con pietre e bastoni. No, non l'ha mai detto, ma sticazzi. Prendi il bastone bimbo, sfogati. Colpisci il pupazzo. "La storia si ripete due volte, la prima come tragedia, la seconda come farsa" diceva uno che dovrebbe piacere a quelli che quel bastone te l'hanno messo in mano. Sei nel pieno del secondo giro baby. Divertiti.

sabato 14 aprile 2018

Crimini e criminali di guerra